Uomini diabetici: alta concentrazione di ferritina protegge da malattie cardiovascolari

Gli uomini con diabete di tipo 2 che presentano alti livelli di ferritina mostrano una minor prevalenza di macroangiopatia nonostante abbiano una più severa resistenza all’insulina e più alti livelli dei marker della steatoepatite rispetto ai pazienti con concentrazioni di ferritina inferiori.
Lo sostengono i ricercatori dell’Université catholique de Louvain, a Bruxelles, i quali hanno condotto un’indagine per capire meglio la relazione esistente tra il livello della ferritina e il rischio di malattie cardiovascolari (CVD). Sia l’insulino-resistenza che la steatosi del fegato sono legati al livello della ferritina e potrebbero quindi essere dei validi indicatori per la valutazione del rischio di malattie cardiovascolari.
Alla ricerca hanno preso parte un gruppo di 424 uomini diabetici in cui è stato misurato sia il livello di ferritina che la prevalenza di macroangiopatie.
Gli studiosi hanno suddiviso il gruppo di ricerca in tre sottogruppi a seconda della concentrazione di ferritina rilevata: 318 facevano parte del gruppo con una normale concentrazione di ferritina (in media 133 ng/ml) mentre 106 facevano parte di quello con alti livelli di ferritina (in media 480 ng/ml). Inaspettatamente i ricercatori hanno notato che gli uomini con una ferritina più elevata erano significativamente meno propensi a incorrere in macroangiopatie rispetto a coloro con ferritina nella norma (25% contro 43% di propensione).
Queste osservazioni potrebbero suggerire lo studio prospettico a lungo termine sulla perdita della funzione delle beta-cellule pancreatiche e l’incidenza di malattie dell’arteria coronarica e periferica e dell’attacco ischemico transitorio o ictus per comprendere il ruolo della ferritina.

 

 
Fonte: 2 febbraio 2010, Diabetic Medicine, Advance Online Publication

Potrebbero interessarti

  • 23 ottobre 2017#GMD17/#WDD17 – La giornata mondiale del diabete 2017La giornata mondiale del diabete – il 14 novembre 2017 - quest’anno è dedicata alle donne. In realtà la campagna di sensibilizzazione “IL NOSTRO DIRITTO AD UN FUTURO PIÚ SANO. AGISCI OGGI PER CAMBIARE DOMANI” durerà dal 6 al 18 novembre 2017. Posted in EVENTI - 2017
  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio
  • 25 settembre 2017Diabete tipo 1: la ricerca scientifica di Novara passa dal DRI di MiamiFirmato un importante accordo di collaborazione tra la Diabetologia dell’ Ospedale Maggiore della Carità di Novara e il Diabetes Research Institute (DRI), centro di eccellenza di Miami diretto dal professor Camillo Ricordi, che ha costruito e realizzato la tecnica e le strutture per il trapianto di insule pancreatiche nell'adulto con diabete. Posted in Fabio Braga