Diabete di tipo 1 nelle donne aumenta la fragilità ossea

Per le giovani donne diabetiche potrebbe essere importante tenere sotto controllo il parametro che indica la densità minerale ossea (BMD) in modo da prevenire eventuali fratture nell’età della postmenopausa provocate dall’osteoporosi.
È stato in effetti riscontrato che in un campione di donne fra i 13 e i 35 anni i soggetti affetti da diabete di tipo 1 presentano un livello di BMD inferiore rispetto ai soggetti sani, avendo perciò una più alta probabilità di incorrere in fratture ossee.
Questi dati evidenziano la necessità di pensare a interventi di sensibilizzazione per le donne diabetiche affinché si prendano maggiormente cura della salute ossea, grazie a una dieta che dia il giusto apporto di vitamine e minerali e un’adeguata attività fisica.

 

 
FonteDiabetes Care 2008; 31: 1729-35

Potrebbero interessarti

  • 23 maggio 2018Disponibile in Italia una nuova formulazione a base di calcifediolo per il trattamento della carenza di vitamina DCon la consulenza della Prof.ssa Maria Luisa Brandi. Dal 16 Maggio 2018 è accessibile in Italia una nuova formulazione farmacologica, a somministrazione mensile, a base di calcifediolo per trattare lo stato di carenza di vitamina D, oltre che i pazienti affetti da osteoporosi, sindrome da malassorbimento, osteodistrofia renale o con problematiche ossee indotte dal trattamento con […] Posted in Diabete e osteoporosi
  • 27 aprile 2018Diabete di tipo 2, obesità e incontinenza urinariaL’incontinenza urinaria rappresenta ancora oggi un tabù, nonostante la sua elevata rilevanza sociale: si stima che in Italia siano incontinenti almeno 5,1 milioni di persone sopra i 18 anni (3,7 milioni di donne e 1,4 milioni di uomini, con un rapporto di 2,7 a 1 tra i due sessi). In altri termini, su 100 italiani, almeno 10 soffrono di incontinenza urinaria, 6% tra gli uomini e 14% […] Posted in Diabete al femminile
  • 11 aprile 2018Il piede di Charcot: che cosa è importante sapereIl piede di Charcot è una complicanza diabetica poco conosciuta e di cui si parla poco che altera i tessuti molli, le articolazioni e le ossa del piede e della caviglia. La malattia è innescata nei soggetti predisposti da un processo infiammatorio incontrollato che porta ad lisi del tessuto osseo, progressive microfratture e malposizionamento articolare dovuto a sublussazioni e dislocazioni. Posted in Piede diabetico