Diabete di tipo 1

Nel segno dei giovani
Il deficit o l’assenza di insulina
Nel diabete di tipo 1, la condizione che si presenta è quella di una troppo scarsa o assente produzione di insulina dovuta ad una sofferenza – e distruzione – delle cellule beta delle isole di Langherans del pancreas, le cellule deputate a produrre l’ormone insulina.

 

Perché si manifesta?

Allo stato attuale, la teoria più accreditata è quella che la distruzione di queste cellule sia da collegare ad un fenomeno di autoimmunità.
Il sistema immunitario della persona diabetica aggredisce per errore le sue stesse cellule e le distrugge come se fossero estranee al proprio organismo. Una specie di “auto-rigetto”, mirato- però – solo a quel tipo di cellule.
La distruzione può essere più o meno rapida e la conseguenza finale è che al soggetto colpito da questo tipo di diabete, l’insulina deve essere somministrata dall’esterno: ecco spiegata la ormai obsoleta denominazione di diabete insulino-dipendente.

 

Chi colpisce?

Il diabete di tipo 1 colpisce soprattutto (80-90% dei casi) bambini, adolescenti, giovani adulti, ma in un numero non infrequente di casi può insorgere anche in età adulta (10-20% dopo i 30-35 anni) e oltre.

 

Come insorge?

La sua insorgenza avviene solitamente in modo rapido, cioè con manifestazioni importanti sin dall’inizio, in modo particolare nei bambini e nei soggetti più giovani.

 

È una malattia ereditaria?

Secondo gli esperti non si tratta di una malattia ereditaria in senso classico, ma di una malattia poligenica in cui, cioè, sono coinvolti vari geni. La ricerca genetica sta progressivamente allungando l’elenco delle caratteristiche genetiche corresponsabili della patologia.

 

Da che cosa è causato?

Non vi sono certezze assolute. Gli esperti hanno avanzato alcune ipotesi su virus, alimentazione del neonato, esposizione alla luce solare quali fattori in grado di scatenare la reazione autoimmune in soggetti predisposti geneticamente.

 

Il peso corporeo ha un peso?

Nel diabete di tipo 1 – al contrario di quanto avviene nel diabete di tipo, spesso associato a sovrappeso e obesità – il peso corporeo è generalmente normale.

 

Quali sono i principali sintomi spia a cui fare attenzione?

I primi segnali sono tanta pipì e tanta sete, inusuali e senza cause apparenti. In questi casi vale sempre la pena di consultare il pediatra perché potrebbe essere in agguato il diabete di tipo 1.Un terzo segnale importante è il dimagrimento, anch’esso senza motivo apparente. Il diabete di tipo 1, raccomandano gli esperti, va diagnosticato e trattato subito per evitare una rischiosa complicanza chiamata chetoacidosi diabetica (DKA), che nella fase più grave può portare a edema cerebrale con conseguenze neurologiche importanti, fino al decesso.

 

In cosa consiste la terapia?
Fin da subito deve essere tenuto sotto controllo con iniezioni di insulina quotidiane, calcolo dei carboidrati, autocontrollo della glicemia.

 

Per saperne di più sulla ricerca sul diabete di tipo 1, linkare al sito del Diabetes Research Institute (in italiano) che fa capo all’Ospedale San Raffaele di Milano.

Potrebbero interessarti

  • 12 ottobre 2018Chi svilupperà il diabete di tipo 1? Dall’insulina “ossidata” un nuovo esame del sangue per scoprirloUno studio internazionale presentato al 54° EASD di Berlino (1-5 ottobre 2018) che raccoglie i massimi esperti nell’area diabetologica, ha scoperto che l’insulina ‘arrugginita’ dai radicali liberi prodotti nel corso dell’infiammazione viene riconosciuta come una sostanza estranea dal sistema immunitario che comincia così a distruggere le cellule beta pancreatiche produttrici di […] Posted in Diabete di tipo 1
  • 28 agosto 2018#1 – La scoperta del DT1Dopo due anni siamo tornati a intervistare Fabio Braga, brillante imprenditore di Novara che ha scoperto da adulto di avere il diabete di tipo 1 altamente instabile e ha cominciato un percorso personale, tra alti e bassi, per imparare a gestirlo. Da subito instaura un rapporto preferenziale con il suo diabetologo e nel tempo trova nella tecnologia e soprattutto dentro di sé la […] Posted in Fabio Braga
  • 26 agosto 2018Quanto è importante fare una buona colazione anche con il diabete!A cura del Prof. Enzo Bonora, Professore Ordinario di Endocrinologia, Università di Verona e Direttore della UOC di Endocrinologia, Diabetologia d Malattie del Metabolismo, AOUI di Verona.   L'abitudine a fare una buona (=salutare) colazione è ancora poco diffusa in Italia. Alcuni ingurgitano velocemente qualcosa (spesso non esattamente quello che è suggerito dalle linee […] Posted in Comportamento a tavola