Integratori di selenio: se in eccesso, rischio di diabete di tipo 2

Secondo uno studio dell’University of Surrey, di Guildford in Gran Bretagna, un eccesso di selenio, assunto attraverso integratori alimentari, potrebbe aumentare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, nel caso nella dieta se ne assumesse già a sufficienza. Il selenio è un oligonutriente, un minerale presente negli alimenti in piccole quantità, la cui carenza è collegata al rischio di rapido declino cognitivo e di impoverimento della funzione immunitaria, ma che in genere nei paesi ricchi è presente nella dieta nelle giuste quantità. L’autrice della ricerca, Margaret Rayman, spiega: «L’assunzione di selenio varia enormemente in tutto il mondo; stime indicano che sia alta in Canada, Giappone, Stati Uniti, e leggermente più bassa in Europa.
Gli integratori non fanno altro che aggiungere nutrienti laddove spesso sono già presenti a livelli più che sufficienti.
I risultati della ricerca possono sembrare in conflitto ma solo apparentemente, perché il selenio risulta utile solo quando l’assunzione è effettivamente inadeguata. Dal momento che i polimorfismi presenti nelle cosiddette selenoproteine influenzano sia i livelli di selenio sia il rischio di incorrere nelle malattie a essi connesse, i prossimi studi dovranno necessariamente prevedere una genotipizzazione dei partecipanti». Dalla ricerca emerge infatti che l’interazione fra il profilo genetico del paziente e l’assunzione di selenio potrebbe avere un ruolo chiave nella buona riuscita dell’uso degli integratori, essendoci una differenza, a seconda dei soggetti, nella maggiore o minore recettività delle selenoproteine.
Lo studio britannico è stato pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet.

 

 
Fonte Sanità News, 1 marzo 2012

Potrebbero interessarti

  • 27 giugno 2018Caffè: aiuta a ridurre il rischio di sviluppo del diabete di tipo 2Il diabete di tipo 2 (DT2) è in costante aumento nella popolazione. La patogenesi del DT2 è multifattoriale e di non facile comprensione ma sono tantissimi gli studi per individuare lo stile di vita, gli alimenti e le sostanze che possono contribuire a prevenirlo. Il consumo abituale di caffè, alimento dal larghissimo consumo in Italia, sembra favorire un abbassamento del rischio di […] Posted in Acqua e bevande
  • 16 luglio 2018Focus sul trattamento del deficit di Vitamina D: dati di efficaciaPubblicate sulla prestigiosa rivista Nutrients le Linee Guida per il corretto utilizzo della Vitamina D in caso di ipovitaminosi accertata, messe a punto dagli esperti AME, Associazione Medici Endocrinologi sulla base dei dati di efficacia delle più recenti evidenze scientifiche. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 1 luglio 2018Grassi buoni e grassi cattivi: quali alimenti?Alcuni consigli di base che la Società Italiana di Diabetologia ha presentato al Congresso SID Rimini 2018, inseriti all’interno di un Position Paper sui grassi alimentari. Ecco le raccomandazioni per poter scegliere in modo consapevole i grassi (lipidi) amici della salute e per ridurre o ancor meglio evitare quelli che aumentano il rischio di diabete tipo 2 e di malattie cardiovascolari. Posted in Alimentazione