Napoli: scadenti i kit coreani per la misurazione del diabete distribuiti dall’Asl

Apparecchi per la misurazione del diabete che sono difficili da utilizzare e che forniscono risultati inaffidabili, spese per le visite mediche e le analisi di routine a carico dei malati: è questa la dura realtà che devono affrontare i pazienti napoletani della Asl 5.
In seguito all’appalto indetto dalla società che si preoccupa di contenere i costi dell’Asl campana, la fornitura di reflettometri, apparecchi per la misurazione rapida del diabete, è diventata di competenza della Svas Biosana, azienda di San Giuseppe Vesuviano.
Il cambiamento di fornitori per i reflettometri destinati ai diabetici napoletani non ha però sortito gli effetti sperati. A dispetto di una forte riduzione dei costi sostenuti dall’Asl 5 di Napoli e della comodità di una consegna dei kit a domicilio, i pazienti hanno ricevuto prodotti scadenti e inaffidabili, che si sono rivelati quindi anche pericolosi, data l’estrema importanza di una rilevazione esatta del livello glicemico per una persona diabetica.
Le accuse mosse dall’Asl all’impresa che fornisce i reflettometri includono, oltre alla qualità scadente dei prodotti, il mancato rispetto dei tempi stabiliti per la consegna, il disservizio del telefono verde dove i pazienti non hanno mai ricevuto risposta e infine la violazione della privacy dei clienti per aver consegnato il prodotto a persone diverse dal destinatario, come ad esempio un vicino di casa.
In seguito a questa situazione a dir poco preoccupante dell’assistenza sanitaria campana, è stata inviata al governatore della Campania Bassolino e all’assessore regionale alla Sanità una lamentela circa la difformità delle terapie diabetiche seguite nelle diverse Asl, delle modalità di consegna dei kit e delle gare d’appalto, durante le quali è fondamentale tener conto dei requisiti indispensabili richiesti dalle associazioni dei pazienti diabetici.

 

 
Fonte: 7 dicembre 2009, corrieredelmezzogiorno.corriere.it

Potrebbero interessarti

  • 5 aprile 2018Diabete: un percorso lungo da affrontare che necessita assistenzaL’educazione terapeutica secondo il suo fondatore JP Assal è “l’arte di seguire il paziente cronico nel percorso che va dallo choc della diagnosi all’accettazione della terapia.” È un processo continuo, che deve essere adattato al corso della malattia, al paziente, e al suo modo di vivere; è parte dell’assistenza a lungo termine. Posted in Educazione terapeutica e diabete
  • 12 aprile 2018Il Centro Servizi di IML: una risposta concreta ai bisogni dei pazienti cronici in LombardiaDa oggi, in Lombardia, i cittadini affetti da cronicità, che sceglieranno il Medico di Medicina Generale (MMG) associato a IML – Iniziativa Medica Lombarda come gestore del proprio piano di cure, potranno contare sul Centro Servizi messo a disposizione dalla cooperativa per le province di Milano, Bergamo, Brescia, Mantova, Monza, Como e Sondrio. Posted in Regioni
  • 13 maggio 2018Diabete e salute orale: relazione stretta, ma pochi lo sannoUna recente indagine condotta da FAND in collaborazione con l’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica (AIOP) ha scattato una fotografia dello scarso livello di consapevolezza che le persone con diabete hanno sull’impatto che la malattia ha sulla salute di denti e gengive. La survey ha analizzato i disturbi più comuni, i comportamenti adottati e il rapporto con il dentista. Posted in Denti e gengive