Piede diabetico: organizzazione dell’assistenza

L’organizzazione dell’assistenza ai soggetti con diabete con una lesione del piede dovrebbe essere strutturata su 3 livelli:

    • 1° livello (screening e diagnosi)
    • 2° livello (medicazioni, piccola chirurgia, scarico delle lesioni neuropatiche plantari)
    • 3° livello (procedure di rivascolarizzazione distali, chirurgiche ed endoluminali, interventi di chirurgia ortopedica, sia di urgenza che di elezione)

Esempio di organizzazione del livello di assistenza di un Centro per la cura e la prevenzione del piede diabetico

LIVELLO DI ASSISTENZA ATTIVITA’GARANTITE DA UN CENTRO
PER LA CURA/PREVENZIONE DEL PIEDE DIABETICO
TEAM MULTIDISCIPLINARE OPERANTE
I° livello
  • Attività di prevenzione e terapia educativa
  • Attività di diagnosi del piede diabetico
Diabetologo, personale infermieristico dedicato, podologo e tecnico ortopedico
II° livello
  • Attività di prevenzione, diagnosi e cura della patologia acuta e cronica del piede diabetico:
  • Medicazioni
  • Piccola chirurgia
  • Scarico delle lesioni neuropatiche plantari
Diabetologo, personale infermieristico dedicato, podologo, tecnico ortopedico, chirurgo plastico o generale, ortopedico
III° livello
  • Procedure di rivascolarizzazione distali del lume del vaso e chirurgiche, interventi di chirurgia sia di urgenza che di elezione
Diabetologo, personale infermieristico dedicato, podologo, tecnico ortopedico, chirurgo vascolare, chirurgo plastico, ortopedico, radiologo interventista

Potrebbero interessarti