Potenziale effetto protettivo della metformina nelle donne con diabete di tipo 2 e tumore al seno

Potenziale effetto protettivo della metformina nelle donne con diabete di tipo 2 e tumore al seno

A cura del dr. Luca Montesi, Responsabile dell’Ambulatorio di Diabetologia presso il Centro Hercolani di Bologna

La metformina rappresenta la terapia farmacologica di prima scelta nel diabete di tipo 2, da sola o in associazione ad altri antidiabetici, quando le modifiche dello stile di vita (alimentazione ed attività fisica in primis) non siano sufficienti. Oltre all’azione ipoglicemizzante, alla metformina sono state attribuite e documentate numerose altre attività come il miglioramento dell’assetto metabolico e della funzione dell’apparato riproduttivo nelle donne con Sindrome dell’Ovaio Policistico. Alcuni studi osservazionali, già in passato, hanno anche sostenuto un effetto protettivo della metformina nelle donne con diabete di tipo 2 associato al tumore al seno, senza tuttavia arrivare ad evidenze conclusive. Tali evidenze sono state di recente documentate con maggiore chiarezza da Tang GH e colleghi, un gruppo internazionale di ricerca, di cui fa parte anche l’Istituto Nazionale dei Tumori Regina Elena di Roma che sollecita studi clinici ad hoc.

 

Diabete di tipo 2 e tumore alla mammella

Diabete di tipo 2 (DT2) e cancro sono due malattie purtroppo comuni che riducono notevolmente la qualità e la prognosi di vita delle persone che ne soffrono. Il diabete di tipo 2 rappresenta un fattore di rischio indipendente di tumore al seno.
Una metanalisi condotta da Boyle et al, pubblicata nel 2012 ha riportato un rischio relativo dell’1.27% per il tumore al seno in donne con diabete di tipo 2 e nessun aumento di rischio per le donne con diabete di tipo 1.

Studi preclinici hanno suggerito che il diabete di tipo 2 possa giocare un ruolo nella crescita e nella trasformazione maligna delle cellule attraverso lo stress ossidativo correlato con l’iperglicemia, l’insulino resistenza e lo stato di infiammazione cronica di basso grado.
L’insulina stimola la proliferazione cellulare e viene spesso prodotta in eccesso nelle cellule maligne. L’alterato metabolismo del glucosio e l’iperglicemia a digiuno sono state anche associate con lo sviluppo di tumore al seno nelle donne in post-menopausa. Infine, è stato documentato che l’inattività fisica ovvero una vita sedentaria può contribuire allo sviluppo sia del diabete di tipo 2 che del tumore al seno.

 

La metformina

La metformina è da anni uno degli ipoglicemizzanti orali più utilizzati in tutto il mondo. Secondo le principali Linee Guida sulla cura e gestione del diabete, la metformina rappresenta il farmaco di prima scelta, da solo o in associazione ad altri ipoglicemizzanti, nella terapia dei soggetti con diabete di tipo 2.

La metformina presenta un eccellente profilo di sicurezza e può essere somministrata anche in associazione a molte delle terapie antitumorali senza interazioni ad oggi conosciute. Negli ultimi anni, il ruolo della metformina nella terapia antitumorale è stato ampiamente studiato in ambito pre-clinico; sono stati ipotizzati diversi effetti diretti del farmaco, per esempio un’azione inibente la crescita e la proliferazione delle cellule tumorali ed effetti indiretti, mediati dalla sua azione ipoglicemizzante, dalla capacità di ridurre i livelli circolanti di insulina e lo stato infiammatorio caratteristico dei pazienti con diabete di tipo 2.

Sono stati anche condotti numerosi studi epidemiologici che indicano l’utilizzo potenziale della metformina come terapia di prevenzione per l’insorgenza del tumore del seno o come trattamento complementare alla terapia per il tumore mammario. Le evidenze ottenute non hanno tuttavia ancora portato a conclusioni definitive e sono necessari ulteriori studi clinici ad hoc.

 

La metanalisi della letteratura scientifica

Tang GH e colleghi, 2018 hanno condotto una revisione sistematica della letteratura disponibile fino al novembre 2016, per valutare l’effetto della metformina sull’incidenza del cancro al seno e sulla mortalità per tutte le cause in donne con diabete di tipo 2. Sono state interrogate diverse banche dati (Medline, EMBASE e Cochrane library) e in definitiva la metanalisi ha incluso i risultati di 12 studi osservazionali sull’ incidenza del tumore al seno e 11 studi sul rischio di decesso per qualsiasi causa.

 

Il potenziale effetto protettivo della metformina

Al termine della valutazione, i ricercatori non hanno rilevato alcuna associazione significativa tra l’assunzione di metformina e la frequenza di comparsa di tumore al seno, mentre si è evidenziata una riduzione del 45% del rischio di decesso da qualsiasi causa. Va tuttavia sottolineato che entrambi i risultati potrebbero essere influenzati dalla natura osservazionale degli studi e dalla probabile incompletezza della ricerca (bias di pubblicazione).

 

Conclusioni

Gli Autori sottolineano come, mentre non è stato osservato alcun effetto di metformina sull’incidenza del cancro al seno, i risultati preliminari ne documentino il potenziale effetto nel migliorare la sopravvivenza globale delle donne con diabete di tipo 2 affette da tumore al seno e per questo auspicano che vengano condotti studi clinici appropriati per approfondire il ruolo della metformina nella prognosi e nella riduzione del rischio di tumore alla mammella in pazienti con diabete di tipo 2.

 

 

Fonti

– Tang GH, Satkunam M, et al – Association of metformin with breastcancerincidence and mortality in patients with type 2 diabetes: a GRADE assessedsystematic review and meta-analysisCancerEpidemiology, Biomarkers&Prevention, 2018 Apr 4

– Col NF, Ochs L, et al – Metformin and breastcancerrisk: a meta-analysis and criticalliterature reviewBreastCancer Res Treat 2012 Oct;135(3):639-46

– Boyle P, Boniol M, et al – Diabetes and Breastcancerrisk: a meta-analysis. Br J Cancer 2012;107:1608–17

 

 

Potrebbero interessarti

  • 19 maggio 2018Terapia diabete tipo 2: le novità degli Standard di Cura, Revisione 2018Il nuovo algoritmo per il trattamento del diabete tipo 2, proposto negli Standard di cura 2018, vede ancora ben salda in pole position la metformina, farmaco di prima scelta nel trattamento del diabete di tipo 2 in tutti gli stadi e finché possibile. Qualora la monoterapia con metformina non fosse sufficiente a ottenere o mantenere un buon controllo metabolico, è necessario associare […] Posted in Terapia
  • 27 giugno 2018Caffè: aiuta a ridurre il rischio di sviluppo del diabete di tipo 2Il diabete di tipo 2 (DT2) è in costante aumento nella popolazione. La patogenesi del DT2 è multifattoriale e di non facile comprensione ma sono tantissimi gli studi per individuare lo stile di vita, gli alimenti e le sostanze che possono contribuire a prevenirlo. Il consumo abituale di caffè, alimento dal larghissimo consumo in Italia, sembra favorire un abbassamento del rischio di […] Posted in Acqua e bevande
  • 9 giugno 2018Diabete tipo 1: emergenza chetoacidosi. È allarme!Stupisce come in Italia ancora manchi una cultura adeguata che permetta una diagnosi precoce del diabete di tipo 1. Nonostante appelli e campagne educazionali, si fatica ancora a riconoscere immediatamente i segnali premonitori del diabete di tipo 1, peraltro semplici da notare: tanta sete e tanta pipì. Basterebbe di prassi un controllo della glicemia. “È indispensabile creare una […] Posted in Diabete di tipo 1