Screening del piede diabetico - Diabete.com

Progetto di screening per la prevenzione del piede diabetico

A cura del Dott. Claudio Fantauzzi**, Podologo Posturologo, Tivoli Terme (Roma)

 

Resoconto di un progetto di screening per la prevenzione del piede diabetico condotto presso la UOSD Diabetologia dell’Ospedale San Giovanni Addolorata di Roma.

 

Premessa

Per piede diabetico s’intende  il piede con alterazioni anatomo-funzionali determinate dalla neuropatia diabetica e /o dall’arteriopatia occlusiva periferica. Quindi per piede diabetico s’ intende non solo il piede ulcerato o infetto, ma anche il piede privo di lesioni ma a rischio ulcerazioni, come quello di un paziente con diabete da diversi anni. Le stime ci dicono che il 70% delle amputazioni – per fortuna in progressiva riduzione – è  dovuto al diabete, nell’ 85% dei casi sono precedute da ulcere.

Lo screening del piede diabetico è un processo volto a identificare persone a rischio di sviluppare – o che hanno già sviluppato – alterazioni e/o lesioni che alterino l’integrità e la funzionalità del piede.

L’attenzione alla complicanza del piede diabetico per i pazienti con diabete di tutti i tipi  è ormai riconosciuta a livello mondiale, nonostante questo le strutture ospedaliere che hanno i mezzi e la volontà di attuare questa importantissima prevenzione sono veramente poche.

 

Il progetto di screening del piede diabetico

Quello che segue è il resoconto di un progetto, della durata di 1 anno svoltosi nel 2019 presso la UOSD Diabetologia l’Ospedale San Giovanni Addolorata di Roma con la collaborazione dell’ ADA (Associazione pazienti diabetici Addolorata).

Tale progetto è stato possibile grazie alla donazione di Synergasia Coop. Sociale onlus, che ha stanziato i fondi necessari per l’attuazione dello screening. Altro contributo è stato dato dalla Società Sensor Medica, specializzata nella realizzazione di sistemi per la valutazione posturale, che ha donato all’Ospedale San Giovanni un podoscopio e un lettino dedicato. Il podoscopio è uno strumento diagnostico usato dal podologo per valutare l’impronta plantare di una persona in stazione eretta per la valutazione delle  zone di appoggio posturale e di eventuali ipercarichi dei due piedi mediante l’utilizzo di luce led. Essendo un esame statico, non tiene conto delle dinamiche del piede e quindi degli eventuali problemi di appoggio durante il movimento, andrebbe quindi integrato con un esame baropodometrico, che consente la valutazione dell’appoggio plantare in fase dinamica.

Il mio ruolo, in veste di podologo, è stato diretto e coordinato dall’Equipe del Reparto di Diabetologia ed Endocrinologia dell’Ospedale. L’equipe era formata da:

  • dott.ssa Assunta Santonati (Responsabile del reparto), endocrinologa
  • dott.ssa Fulvia De Luca (Responsabile del progetto), diabetologa
  • dott.ssa Danila Fava, diabetologa
  • dott.ssa Maria Cassone Faldetta, diabetologa
  • CPSE Giuliana Leacche (coordinatrice)
  • dott. Claudio Fantauzzi, podologo

 

Diabete.com - Screening piede diabetico

 

I 10 punti chiave dello screening di prevenzione del piede diabetico

  1. Anamnesi e visita obiettiva del piede
    Utile ad evidenziare eventuali deformità e patologie.
  1. Somministrazione del questionario
    Mette in luce pregresse lesioni e/o dolori da neuropatia periferica e/o arteriopatia periferica.
  1. Valutazione dei polsi arteriosi periferici
    Serve a esaminare la pervietà dei vasi sanguigni.
  1. Valutazione riflessi tendinei
    In particolare della rotula e del tendine di Achille.
  1. Valutazione di: sensibilità dolorifica, forzaed articolarità del piede
  1. Test del monofilamento
    Test tra i più utilizzati per la valutazione della sensibilità pressoria.
  1. Test del biotesiometro
    Viene utilizzato per la valutazione della sensibilità vibratoria.
  1. Test A.B.I. (Indice Caviglia-Braccio, sigla dall’inglese: Ankle-Brachial Index)
    Serve a identificare eventuali arteriopatie occlusive.
  1. Esame su podoscopio
    Come descritto sopra, il podoscopio serve a individuare eventuali deficit di appoggio plantare in posizione statica.
  1. Somministrazione terapia educazionale individuale

Tutti i pazienti dopo lo screening venivano catalogati, secondo il rischio che era profilato come: basso, medio, alto e altissimo. I pazienti a basso rischio dovranno ripetere lo screening dopo 1 anno, quelli a medio dopo 6 mesi, quelli ad alto rischio dopo 3 mesi e infine quelli ad altissimo rischio sono stati presi in carico e smistati nel reparti specifici (angiologia, vulnologia, etc).

 

I risultati della prima fase dello screening del piede diabetico

Su 780 pazienti sottoposti a screening del piede diabetico:

  • il 47% è risultato a basso rischio;
  • il 42% a medio rischio;
  • il 7% ad alto rischio e infine
  • il 4% ad altissimo rischio.

 

La scarsa percezione del rischio da parte dei pazienti

Da notare, l’alta percentuale (ma comunque in linea con i dati della letteratura scientifica) dei pazienti a medio rischio, i quali in grande percentuale non manifestavano sintomi evidenti quindi erano totalmente inconsapevoli della loro situazione di rischio.

I dati del 7 % e 4% dei pazienti ad alto e altissimo rischio, a mio avviso è da considerarsi sottostimato, in quanto l’Ospedale non possiede un reparto specifico per la prevenzione e la cura del piede diabetico, quindi i pazienti che hanno manifestato  problemi legati al piede diabetico (ulcere, amputazioni, piede di Charcot, etc) tendono a rivolgersi presso strutture che hanno un  reparto dedicato.

 

Un’esperienza positiva che ci si auspica continuerà

L’iniziativa dello screening è stato accolto dai pazienti con grande partecipazione e coinvolgimento, tanto da ricevere un encomio per il nostro operato.
Ovviamente tutti i pazienti sono stati caldamente invitati a ripetere tale valutazione secondo la propria classe di rischio e ci auspichiamo che questo possa essere possibile grazie al rinnovo permanente di questa importantissima iniziativa.

 

 

 

References

– Associazione Diabetici ADA Roma »

– Sensor Medica – Technology in motion »

– Synergasia Coop. Sociale onlus, via della Traspontina 95, 00193 Roma

 

 

 

 

** Il Dott. Claudio Fantauzzi,  svolge la sua attività di Podologo a Tivoli Terme (Roma). Laureato in podologia c/o Università di Tor Vergata, ha conseguito un Master in posturologia, un Master in prevenzione e cura del piede diabetico presso la Sapienza Università di Roma. (Iscrizione Albo tsrm di Roma n. 86).
È Specialista nella ricalibrazione posturale, nel trattamento del piede doloroso dell’anziano e del diabetico, nella progettazione e realizzazione di ortesi plantari biomeccaniche e propriocettive.
Per informazioni e contatti
Email: fantapak@libero.it
Cellulare:  346 6748781

 

Potrebbero interessarti

  • 26 Aprile 2021A Lucca il primo laboratorio ortesico di podologiaPrevenzione e cura del piede diabetico: un dispositivo per la realizzazione di ortesi personalizzate che permette di aumentare l’efficacia dei trattamenti preventivi e di riabilitazione. Questo il macchinario donato dall’ALD alla struttura di Diabetologia di Lucca. Posted in Piede diabetico
  • 2 Giugno 2021Piede diabetico: certificare le competenze del diabetologo per una corretta presa in caricoIl piede diabetico è una condizione ancora troppo diffusa. Si stima che in Italia, più del 15% incorra almeno una volta nella vita in un’ulcerazione del piede, una grave complicanza diabetica che può portare all’amputazione. Posted in Piede diabetico
  • 7 Giugno 2021La pandemia diabete in Regione SardegnaLa Regione Sardegna presenta forti criticità epidemiologiche per il diabete. Da sempre detiene il triste primato italiano di incidenza di diabete di tipo 1, con oltre 12.000 adulti, più di 1.500 under 18 e circa 120 nuovi casi di diabete tipo 1 diagnosticati nella fascia di età 0-14 anni. Posted in Regioni