Quali sono i sintomi e le conseguenze della disidratazione?

Il primo sintomo è la secchezza della bocca. Poi, man mano che lo stato di disidratazione aumenta, sia la pelle sia le mucose (comprese quelle dell’occhio) diventano secche e asciutte e compaiono senso di affaticamento, mal di testa, arrossamento della pelle, crampi muscolari, perdita di appetito, intolleranza al calore, apatia. In casi molto gravi si possono osservare vertigini, nausea e vomito, tachicardia, diminuzione del livello di attenzione e di concentrazione e sdoppiamento della visione, fino a perdita di conoscenza e rischio di coma.

 

Quali possono essere le conseguenze della disidratazione?

Livello di disidratazione
rispetto al peso corporeo
Conseguenze
≤ 1%
  • Alterazioni delle attività e performance fisiche
>2%
  • Alterati termoregolazione e volume del plasma
  • Inizia a manifestarsi il senso di sete
∼ 5%
  • Crampi, debolezza, maggiore irritabilità
∼ 7%
  • Malessere generale, profonda debolezza
  • Talvolta allucinazioni
∼ 10%
  • Rischio di insorgenza di un colpo di calore
 Fonte: Linee Guida per una Sana Alimentazione, INRAN 2003

 

Uno stato persistente di disidratazione compromette sia le capacità fisiche che quelle mentali del nostro organismo. Gli anziani sono particolarmente vulnerabili; la disidratazione in questa fascia d’età è associata a una compromissione generale dello stato di salute.

Potrebbero interessarti

  • 28 febbraio 2018Diabete e prurito cutaneo: perché è così frequentePrurito: le persone con diabete hanno una diminuita secrezione sebacea e sudoripara con conseguente elevata secchezza della pelle (xerosi) che può facilmente generare prurito; i medici lo chiamano prurito sine materia perché si ha sensazione di prurito, talvolta anche molto insistente. Posted in Diabete e prurito
  • 14 aprile 2018Prevenzione Diabete tipo 2: il nuovo account Twitter @AemmediDispensa “pillole” di prevenzione il nuovo account twitter dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), cofirmataria insieme ad altre società scientifiche della Campagna lanciata dal Ministero della Salute per prevenire il diabete di tipo 2 (DT2); grazie a una dieta sana ed esercizio costante, i soggetti più a rischio possono ridurre del 50% la propria probabilità di diventare diabetici. Posted in NEWS - 2018
  • 5 aprile 2018Il Passaporto di Roma: città per camminare e della saluteLe città stanno diventando sempre di più ambienti obesiogeni, ovvero luoghi dove l’urbanizzazione favorisce l’aumento di sovrappeso e obesità e di conseguenza di molte malattie croniche non trasmissibili quali il diabete tipo 2, le malattie cardiovascolari, le malattie neurodegenerative, le malattie respiratorie e i tumori. Posted in Mondo, Europa, Movimento