Bimbo salvato dal coma diabetico dalla sua cagnolina Blanca

LOGO greendogs

Avete storie simili da segnalare?
“Tutti pazzi per Blanca” titola la Nazione di qualche giorno fa riferendosi a un fatto successo ad Arezzo: la cagnolina Blanca di un bambino diabetico di tipo 1 ha avvertito abbaiando la famiglia che il bambino era in crisi ipoglicemica durante un episodio notturno. La famiglia si è attivata per mettere in atto tutte quelle procedure che hanno permesso al bambino di assumere zucchero e riprendere a dormire senza ulteriori conseguenze.
Una storia a lieto fine ma che poteva trasformarsi in un dramma. Blanca è diventata subito un’eroina tra la popolazione del web ma  non è il primo caso di cronaca e probabilmente neppure l’ultimo. Questo è solo uno dei tanti esempi di come un cane, non addestrato, è in grado di percepire e segnalare il malessere di uno dei componenti della famiglia. In questo caso, un bambino con diabete di tipo 1.

 


Bimbo salvato dal coma diabetico dalla sua cagnolina BlancaSe conoscete episodi simili, segnalateli. Li stiamo raccogliendo

La dr.ssa Daniela Cardillo, responsabile del programma di Addestramento Cani per Diabetici di Greendogs sta raccogliendo testimonianze per studiare episodi simili.

Nel caso fosse successo qualcosa di simile anche a voi o ad un vostro familiare o conoscente, la potete contattare su facebook  o via email a info@greendogs.it o utilizzare la form di contatto direttamente dal sito www.caniperdiabetici.com

 

Potrebbero interessarti

  • 24 ottobre 2016Il diabete nei bambini “opprime” mamma e papàLa principale ansia per i genitori di un bambino con diabete? La riduzione del livello di zuccheri nel sangue e le crisi di ipoglicemia. È questo il vero incubo per 7 genitori su 10, secondo l’indagine internazionale DAWN Youth promossa da International Diabetes Federation (IDF) e International Society for Pediatric and Adolescent Diabetes (ISPAD). Posted in Diabete di tipo 1
  • 2 novembre 2016Il Metodo WAL nella prevenzione del diabeteIntervista alla dott.ssa Annamaria Crespi, psicologa, ideatrice e promotrice del metodo WAL e autrice del libro: “Il metodo WAL (Walk And Learn) Previeni, impara, cammina”, Morlacchi Ed, 2014. Posted in Prevenzione e Terapia
  • 25 novembre 2016L’Uruguay e l’arrivo in BrasileL'Uruguay è probabilmente lo stato meglio sviluppato del Sudamerica. La qualità del cibo è ottima, almeno a giudicare da quello che vedevo nei mercati e nei ristoranti, ma i costi mi hanno costretto a cucinare praticamente sempre da solo in ostello. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni