Correlazione inversa tra condizione socioeconomica e rischio diabete

Secondo uno studio canadese un basso livello di educazione sarebbe correlate a un rischio elevato di sviluppare il diabete di tipo 2. Analizzando i dati provenienti dal Canadian Community Health Survey (CCHS), uno studio nazionale che ha esaminato  131,535 persone dai 18 anni in su, i ricercatori hanno osservato una maggior prevalenza del diabete mellito di tipo 2 tra le persone meno istruite, sia uomini che donne.
Un altro aspetto interessante emerso in seguito all’analisi dei dati è stata la variazione della prevalenza di diabete tra livello di istruzione e reddito decisamente inferiore negli uomini: la malattia interessava infatti l’1.8% delle donne con alto reddito e l’ 8,1% delle donne con basso reddito, mentre negli uomini la prevalenza della malattia era del 3,4% negli uomini con un reddito alto e del 6,2% in coloro a basso reddito.
Gli autori hanno infine notato che la relazione inversa tra gradiente socioeconomico e il rischio di diabete può essere solo in parte spiegata dall’obesità e dall’inattività fisica. Ciò significa che nella pianificazione di strategie di sorveglianza e prevenzione del diabete bisognerebbe prestare attenzione alla posizione sociale e al genere della popolazione target, sviluppando maggiori interventi di supporto per uomini e donne più svantaggiati.

 

 
Fonte: 11 febbraio 2010, Diabetic Medicine, Advance Online Publication

Potrebbero interessarti

  • 19 aprile 2017Diabete e obesità (diabesità): malattie sociali dal notevole impattoL’ Italian Barometer Diabetes Observatory (IBDO) Foundation, in collaborazione con Istat, ha presentato a Roma, la 10° Edizione dell’Italian Diabetes & Obesity Barometer Report. Posted in Mondo, Europa
  • 19 marzo 2017Diabete e osteoporosi: quale correlazione?Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 19 aprile 2017Urbanizzazione e salute: due facce della stessa medagliaEntro il 2030, 1 miliardo e mezzo di persone si sposterà dalle campagne alle città, provocando l’urbanizzazione di 1,5 milioni di chilometri quadrati. Fenomeno sociale inarrestabile e tendenza irreversibile, che va gestito e studiato dal punto di vista di: assetto urbanistico, trasporti, contesto occupazionale, ma soprattutto salute pubblica, perché è indissolubilmente legato […] Posted in Mondo, Europa