Diabete: per combatterne la diffusione servono terapie personalizzate, chirurgia bariatrica e maggior impegno delle Istituzioni

La chirurgia bariatrica, altrimenti conosciuta come chirurgia gastrointestinale metabolica, potrebbe rappresentare il futuro nella cura del diabete di tipo 2. È infatti stato dimostrato che in soggetti obesi l’intervento bariatrico porti benefici in termini di scomparsa del diabete prima ancora che di perdita di chili in eccesso, e sulla scia di questi risultati pubblicati sulla rivista Annals of Surgery, è attualmente in corso uno studio, a cui ha preso parte anche il nostro Paese, volto a stabilire le indicazioni terapeutiche di questo tipo di operazione chirurgica su pazienti diabetici in leggero sovrappeso o addirittura con peso nella norma.
Tuttavia la lotta al diabete non può e non deve esaurirsi qui. Sono infatti più di tre milioni solo in Italia le persone affette da questa malattia. Di queste solo il 10-15% soffre di diabete di tipo 1, anche conosciuto come diabete giovanile, mentre il restante 85% è affetto da diabete di tipo 2, ovvero quella forma della malattia legata all’obesità e alle cattive abitudini alimentari. Questo secondo tipo di diabete è sensibile a modifiche dell’alimentazione, dello stile di vita e ai farmaci, i cosiddetti “ipoglicemizzanti” orali. Questi sono sicuramente gli aspetti su cui ciascun malato può e deve intervenire per tenere sotto controllo la malattia, evitando così l’insorgere di tutte quelle patologie croniche che spesso sono provocate dal diabete, quali ictus, piede diabetico, danni alla retina,  insufficienza renale, infarto e disturbi cardiocircolatori.
Per evitare infine che la diffusione del diabete proceda ai ritmi attuali diventando nel giro di pochi anni una vera e propria pandemia, è necessario che anche le istituzioni aumentino gli sforzi  per garantire un’assistenza migliore ai malati, aumentando il numero di centri diabetologici e lo abbreviando i tempi di attesa per le visite di controllo che, effettuate periodicamente, aiutano i pazienti a migliorare il controllo e la gestione della malattia.

 
Fonte: 7 dicembre 2009, notizie.tiscali.it

Potrebbero interessarti

  • 12 gennaio 2017Piemonte: la nuova Rete Territoriale Endocrino-DiabetologicaIl dottor Alessandro Ozzello, Presidente della Sezione AMD Piemonte-Valle D’Aosta e direttore del Servizio di Diabetologia Ospedale Pinerolo Asl Torino 3, commenta le trasformazioni del modello esistente, in seguito all'approvazione della Delibera della Giunta Regionale, n. 27-4072 del 17.10.2016 e illustra i cambiamenti positivi per la presa in carico di persone con diabete mellito. Posted in Regioni
  • 2 febbraio 2017Ho il diabete, non sono il diabeteQuanto conta il coinvolgimento attivo della persona con diabete nel suo percorso di cura? Ne abbiamo parlato con la Dott.ssa Serena Barello**, della Facoltà di Psicologia, Università Cattolica del Sacro Cuore durante un recente convegno organizzato dall’Associazione Diabetici della Provincia di Milano Onlus, presieduta dalla d.ssa Maria Luigia Mottes. Posted in Psicologia
  • 31 gennaio 2017Diabete: Il coinvolgimento attivo del caregiver nel processo di curaL’Associazione Diabetici della Provincia di Milano (ADPMI) sta collaborando con l’Università Cattolica del sacro Cuore di Milano, dipartimento di Psicologia, al progetto di “Validazione di uno strumento per la valutazione del coinvolgimento del caregiver/familiare nel processo di cura: la caregiver-patient health engagement scale (C-PHE)”. Posted in Aspetti psicologici