Diabetici tipo 2: iperglicemia aumenta rischio cancro

La presenza di iperglicemia sembra essere un fattore di rischio del cancro nei pazienti diabetici cinesi mentre l’utilizzo di insulina in questi individui è stato associato a una riduzione del rischio.
I ricercatori della Chinese University di Hong Kong hanno reclutato 973 pazienti che utilizzano da poco tempo l’insulina e 971 pazienti che invece non assumono insulina scegliendoli in una coorte di 4623 pazienti con diabete di tipo 2 di età media pari a 57 anni. Tutti i pazienti selezionati per partecipare alla ricerca avevano il diabete in media da 5 anni, non avevano precedenti episodi di cancro né avevano mai assunto insulina prima di essere coinvolti nello studio.
I risultati hanno mostrato che l’incidenza del cancro era significativamente più bassa nel gruppo di pazienti che utilizzavano insulina rispetto a coloro che non ne facevano uso (10.2‰ contro 49.2‰ rispettivamente).
Questi dati riaffermano l’importanza per le persone affette da diabete di tipo 2 di controllare l’iperglicemia per prevenire conseguenze cliniche spiacevoli, come ad esempio il cancro.

 

 

 

Fonte: 3 marzo 2010, Diabetes; Advance online publication

Potrebbero interessarti

  • 16 febbraio 2017Insulina degludec rimborsabile (classe A) anche in bambini e adolescentiIl 10 febbraio è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Determina dell’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) per la rimborsabilità dell’indicazione in pediatria dell’insulina degludec (Tresiba®) per il trattamento del diabete tipo 1 in bambini dall’età di 1 anno. Posted in NEWS - 2017
  • 17 febbraio 2017Disponibile anche in Italia nuova insulina basale long actingDa metà febbraio 2017, è arrivata anche in Italia, in Classe A, glargine [rDNA origin] soluzione iniettabile, 300 U/mL, un’insulina basale di nuova generazione, a più lunga durata, che nasce dall’evoluzione dell’ insulina glargine 100 U/mL, terapia insulinica di riferimento nel trattamento del diabete. Posted in NEWS - 2017
  • 8 febbraio 2017Malattie autoimmuni: tendono ad associarsi nello stesso soggettoLe malattie autoimmuni sono causate da errori del sistema immunitario, che inizia ad aggredire cellule dei tessuti sani invece di attaccare i nemici: virus, batteri, tossine etc che l’organismo può ospitare. Possono colpire un solo organo o organi diversi anche nella stessa persona e in genere la causa non è nota. Posted in Diabete di tipo 1