Il trapianto di cellule del pancreas potrebbe curare il diabete

Secondo una ricerca di Camillo Ricordi del Diabetes Research Institute and Cell Transplant Center dell’Università di Miami (Usa) in futuro si potrebbe curare il diabete con la terapia cellulare. Durante una Consensus Conference sulla sicurezza delle terapie avanzate il dottor Ricordi ha dichiarato all’Ansa che in Florida sono in corso sperimentazioni avanzate allo scopo di «Sostituire le cellule che funzionano male dal punto di vista della produzione di insulina con cellule che producono insulina e che possono riattivare le funzioni del pancreas». Nei trials sperimentali di fase III in corso a Miami vengono iniettate cellule nel fegato «Dove si ingegnerizza tutto, facendo svolgere al fegato una doppia funzione: la propria e quella del pancreas. Per ora uno dei limiti sta nell’assunzione dei farmaci antirigetto che il paziente dopo il trapianto di cellule dovrà assumere per tutta la vita ma con il progresso delle ricerche sui trapianti in futuro non saranno più necessarie le terapie antirigetto e la richiesta di trapianti di cellule che producono insulina diventerà esplosiva». A questo scopo, ha dichiarato il dottor Ricordi, è allo studio lo sviluppo di cellule che producano insulina partendo da cellule staminali adulte «Insegnando loro a produrre insulina».

 

 
Fonte: ottobre 2010, unita.it

Potrebbero interessarti

  • 25 settembre 2017Diabete tipo 1: la ricerca scientifica di Novara passa dal DRI di MiamiFirmato un importante accordo di collaborazione tra la Diabetologia dell’ Ospedale Maggiore della Carità di Novara e il Diabetes Research Institute (DRI), centro di eccellenza di Miami diretto dal professor Camillo Ricordi, che ha costruito e realizzato la tecnica e le strutture per il trapianto di insule pancreatiche nell'adulto con diabete. Posted in Fabio Braga
  • 12 agosto 2017L’orizzonte ogni giorno un po’ più in làMissione compiuta per Claudio Pelizzeni, tornato ormai da 6 mesi e precisamente l’11 febbraio 2017 quando è sceso dal treno nella “sua” Piacenza, dopo un viaggio di 1000 giorni, attraverso 44 paesi, in un viaggio lento, senza mai prendere un aereo e con un compagno scomodo, come il diabete di tipo 1. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 18 settembre 2017Da Cortina a Dobbiaco, in bici con il diabete di tipo 1Con il DT1 si può, anche pedalare insieme. Era questo l’obiettivo della pedalata per persone con diabete di tipo 1, non a scopo competitivo ma per far comprendere come i pazienti insulino-dipendenti possano condurre una vita normale e affrontare qualsiasi sfida, anche in ambito sportivo. Posted in NEWS - 2017