Migliorare l’ambiente aumentando il verde diminuisce il rischio di diabete

La rivista Diabetes Care ha pubblicato uno studio australiano secondo cui l’incidenza di diabete mellito di tipo 2 (Dmt2) si riduce nelle zone in cui ci sono più spazi verdi e aperti; il primo autore dello studio, il docente in Scienza della Salute all’University of Western Sindey, Thomas Astell-Burt, spiega: «Il diabete di tipo 2 è una malattia prevenibile, ma il suo crescente peso in termini numerici ed economici lascia prevedere un futuro poco sostenibile in tutto il mondo per i sistemi di assistenza sanitaria». Dai risultati di un altro studio appena pubblicato, emerge che il degrado urbano aumenta negli abitanti il rischio di obesità e di Dmt2; Astell-Burt aggiunge: «Altre ricerche suggeriscono che gli interventi preventivi sul diabete funzionano meglio se chi vi partecipa vive in ambienti prossimi a parchi e spazi verdi, che favoriscono uno stile di vita attivo. Calcolando con i dati dell’Australian Bureau of Statistics la quantità di spazi verdi a disposizione di ciascuno, e incrociandola con la frequenza di Dmt2, abbiamo scoperto che i tassi di malattia si abbassano con l’aumentare delle zone aperte. La programmazione di investimenti e strategie per promuovere l’accesso alla natura è quindi un importante strumento di prevenzione sanitaria per favorire gli stili di vita sani, che sono essenziali per combattere l’attuale epidemia di obesità e di diabete di tipo 2».
I ricercatori australiani hanno elaborato i dati relativi a quasi 270mila (267.072) persone inserite nel 45 and Up Study, la più vasta ricerca dell’emisfero australe sullo stato di salute degli ultra-quarantacinquenni, e su come invecchiare in salute; è stato rilevato che nelle zone con meno del 20% di aree verdi l’incidenza di diabete era del 9,1%, ma scendeva all’8% fra chi viveva in zone in cui il verde saliva al 40%. Inoltre è risultato che fra gli abitanti delle zone più verdi è minore il numero di quelli che hanno una dieta ricca di grassi e di fumatori, ed è maggiore il numero di quelli che hanno più porzioni di frutta e verdura nella loro dieta giornaliera.

 

Fonte
Is neighbourhood green space associated with a lower risk of Type 2 Diabetes Mellitus? Evidence from 267,072 Australians T Astell-Burt, X Feng GS Kolt. Diabetes Care 2013; DOI:10.2337/dc13-1325

Potrebbero interessarti

  • 11 marzo 2017Qi gong. Uno strumento prezioso per la salute e il benessereNon sono un maestro né mai lo sarò. Neppure vorrei esserlo. E i motivi sono innumerevoli. Per cui, parafrasando un grande delle letteratura (lui sì, maestro…) “così è se vi pare…” Essere maestri implica conoscenza, umiltà, costanza, amore per gli altri. In me non credo coesistano tanti valori. Una cosa però è certa: a questo mondo vorrei esprimere il mio umile punto di vista. Posted in T’Ai Chi Ch’Uan - Un’ avventura… nel benessere
  • 8 febbraio 2017Malattie autoimmuni: tendono ad associarsi nello stesso soggettoLe malattie autoimmuni sono causate da errori del sistema immunitario, che inizia ad aggredire cellule dei tessuti sani invece di attaccare i nemici: virus, batteri, tossine etc che l’organismo può ospitare. Possono colpire un solo organo o organi diversi anche nella stessa persona e in genere la causa non è nota. Posted in Diabete di tipo 1
  • 30 gennaio 2017Focus diabete nell’età evolutiva in LombardiaLunedì 30 Gennaio si discuterà di diabete di tipo 1 al Consiglio Regionale della Lombardia , nel corso di un convegno organizzato dalla III Commissione Sanità e Politiche Sociali. Parteciperanno all’evento, in qualità di relatori, rappresentanti delle istituzioni ed esperti scientifici. Posted in EVENTI - 2017