Migliorare l’ambiente aumentando il verde diminuisce il rischio di diabete

La rivista Diabetes Care ha pubblicato uno studio australiano secondo cui l’incidenza di diabete mellito di tipo 2 (Dmt2) si riduce nelle zone in cui ci sono più spazi verdi e aperti; il primo autore dello studio, il docente in Scienza della Salute all’University of Western Sindey, Thomas Astell-Burt, spiega: «Il diabete di tipo 2 è una malattia prevenibile, ma il suo crescente peso in termini numerici ed economici lascia prevedere un futuro poco sostenibile in tutto il mondo per i sistemi di assistenza sanitaria». Dai risultati di un altro studio appena pubblicato, emerge che il degrado urbano aumenta negli abitanti il rischio di obesità e di Dmt2; Astell-Burt aggiunge: «Altre ricerche suggeriscono che gli interventi preventivi sul diabete funzionano meglio se chi vi partecipa vive in ambienti prossimi a parchi e spazi verdi, che favoriscono uno stile di vita attivo. Calcolando con i dati dell’Australian Bureau of Statistics la quantità di spazi verdi a disposizione di ciascuno, e incrociandola con la frequenza di Dmt2, abbiamo scoperto che i tassi di malattia si abbassano con l’aumentare delle zone aperte. La programmazione di investimenti e strategie per promuovere l’accesso alla natura è quindi un importante strumento di prevenzione sanitaria per favorire gli stili di vita sani, che sono essenziali per combattere l’attuale epidemia di obesità e di diabete di tipo 2».
I ricercatori australiani hanno elaborato i dati relativi a quasi 270mila (267.072) persone inserite nel 45 and Up Study, la più vasta ricerca dell’emisfero australe sullo stato di salute degli ultra-quarantacinquenni, e su come invecchiare in salute; è stato rilevato che nelle zone con meno del 20% di aree verdi l’incidenza di diabete era del 9,1%, ma scendeva all’8% fra chi viveva in zone in cui il verde saliva al 40%. Inoltre è risultato che fra gli abitanti delle zone più verdi è minore il numero di quelli che hanno una dieta ricca di grassi e di fumatori, ed è maggiore il numero di quelli che hanno più porzioni di frutta e verdura nella loro dieta giornaliera.

 

Fonte
Is neighbourhood green space associated with a lower risk of Type 2 Diabetes Mellitus? Evidence from 267,072 Australians T Astell-Burt, X Feng GS Kolt. Diabetes Care 2013; DOI:10.2337/dc13-1325

Potrebbero interessarti

  • 31 marzo 2017Promuovere il Patient Engagement nella gestione della cronicità: raccomandazioni per la praticaMercoledì 5 aprile 2017, all’Università Cattolica in largo Gemelli, Milano ricercatori, rappresentanti del mondo clinico, delle associazioni di pazienti e di volontariato e della politica si confronteranno nella Prima Conferenza di Consenso Italiana sul Patient Engagement (CCIPE) in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche, tra cui il diabete. Posted in Linee guida
  • 16 giugno 2017Il mondo invecchia: assistenza e gestione dell’anzianoDall’Osservatorio Nazionale della salute della DonnA (ONDA) la fotografia della “generazione d’argento”. Il 43% degli over 70 dichiara di essere soddisfatto della propria vita, 4 su 5 affermano di essere autosufficienti. Posted in Italia
  • 29 maggio 2017AMD presenta il Core Competence Curriculum del DiabetologoL’AMD presenta, in occasione del XXI Congresso Nazionale AMD, il Core Competence Curriculum del Diabetologo, strumento concreto in grado di favorire l’attuazione di un modello assistenziale integrato in ambito diabetologico in un’ottica di efficientamento delle prestazioni e di appropriatezza prescrittiva. Posted in Linee guida