Caffè e diabete: la caffeina aiuta a ridurre il rischio di sviluppo del diabete di tipo 2 - Diabete.com

Caffè: aiuta a ridurre il rischio di sviluppo del diabete di tipo 2

A cura del dr. Danilo Cariolo, Biologo Nutrizionista, Milano**

Il diabete di tipo 2 (DT2) è in costante aumento nella popolazione. La patogenesi del DT2 è multifattoriale e di non facile comprensione ma sono tantissimi gli studi per individuare lo stile di vita, gli alimenti e le sostanze che possono contribuire a prevenirlo. Il consumo abituale di caffè, alimento dal larghissimo consumo in Italia come nel mondo, sembra favorire un abbassamento del rischio di sviluppo del diabete di tipo 2.

 

Caffè, non finisce di sorprendere

Una recente meta-analisi conferma le evidenze che il consumo regolare di caffè possa  ridurre il rischio di sviluppare il  diabete di tipo 2.
Già nel 2018, una review aveva analizzato circa 30 studi già pubblicati, per un totale di oltre 12 milioni di persone, e gli autori avevano evidenziato che il consumo abituale di caffè può ridurre il rischio di sviluppare diabete di circa il 30% in soggetti sani. L’associazione non dipende dalla caffeina perché risulta esserci anche con il caffè decaffeinato mentre sembra essere dose-dipendente: il rischio diminuirebbe del 6-7% per tazza al giorno.

La nuova meta-analisi è stata condotta analizzando 26 studi effettuati su popolazioni di persone degli Stati Uniti che consumavano caffè con caffeina, mostrando una riduzione del rischio di sviluppare diabete tipo 2, malattie cardiovascolari e altre patologie. La riduzione del rischio di diabete di tipo 2 maggiore è stata osservata con il consumo di 3-4 tazzine di caffè al giorno confermando i precedenti studi che avevano mostrano un effetto dose-dipendente.

 

Caffè e diabete: il consumo abituale di caffè aiuta a ridurre il rischio di sviluppo del diabete di tipo 2 - Diabete.com

 

Le proprietà antiossidanti del caffè

Il caffè è ricco di sostanze antiossidanti, come i polifenoli, la cui assunzione contrasta i radicali liberi, favorisce la detossificazione e la riparazione del DNA, tutti meccanismi che a lungo termine possono ridurre lo stress ossidativo che viene indicato come uno tra i diversi fattori che portano all’insorgenza del diabete mellito di tipo 2. Inoltre il consumo regolare di caffè può ridurre i livelli delle sostanze pro-infiammatorie con il conseguente abbassamento dell’infiammazione cronica di basso grado collegata a disturbi metabolici e cardiovascolari come si verifica anche nel diabete di tipo 2.

Questi effetti di difesa e riparazione cellulare mediate dalle sostanze contenute nel caffè sembrano avere un effetto protettivo generale sulle cellule del fegato (epatociti) e sulle cellula beta del pancreas che sono predisposte alla produzione dell’ormone insulina.
Qualche autore inizia a suggerire, seppur con dati a disposizione ancora scarsi, anche un effetto di modulazione positiva sul microbiota intestinale da parte di fibre prebiotiche del caffè.

Sebbene su questo effetto concordino tutte le Istituzioni di riferimento, compresa la Società Italiana di Diabetologia (SID), per chiarire in modo esaustivo i meccanismi d’azione e le esatte sostanze coinvolte, allo scopo – per esempio – di poter formulare integratori o farmaci utili servono ancora molti studi approfonditi.

 

Consumo: quante tazzine al giorno?

Un’altra considerazione importante da fare è l’eventuale consumo e relativa quantità di zucchero usato come dolcificante. Una ripetuta e/o eccessiva assunzione di zucchero durante la giornata non è raccomandabile per chi volesse avere delle abitudini salutari. Quindi anche se l‘Organizzazione Mondiale della Sanità e l’EFSA (European Food Safety Authority) indicano in 3-5 tazzine di caffè al giorno un consumo sicuro che può far parte di una dieta sana ed equilibrata e di uno stile di vita attivo va prestata attenzione all’introduzione di zucchero. Abituarsi a consumarlo amaro sarebbe la cosa migliore; in pochi giorni, vi accorgerete di assaporare ancora di più l’aroma originario di un buon caffè. Lo zucchero appiattisce il gusto più che esaltarlo.

 

Sostanze nocive quando il consumo di caffè è eccessivo

Un altro aspetto da considerare riguarda l’assunzione di acrilammide. La tostatura dei chicchi di caffè porta alla formazione di questa sostanza cancerogena. L’OMS nel 2016 ha eliminato il caffè dalla lista dei possibili cancerogeni ma l’assunzione di acrilammide resta e l’EFSA consiglia di ridurne il consumo perché la considera pericolosa per la salute pubblica. Se anche il consumo moderato di caffè di per sé non è sufficiente per apportare una quota di acrilammide rischiosa va ricordato che l’acrilammide si trova in tutti i prodotti contenenti amido posti in cottura oltre i 120° C quindi cibi fritti e soprattutto prodotti da forno. Perciò prestare attenzione all’apporto totale giornaliero di acrilammide che si rischia di fare sommandone tutte le fonti.
Come già ribadito più volte, è sempre importante leggere le etichette dei prodotti che si acquistano e consumano!

 

A chi è sconsigliato il consumo di caffè?

L’ultima considerazione riguarda quei soggetti per i quali il consumo di caffè è sconsigliato, o se ne consiglia un consumo davvero limitato e/o nella versione decaffeinata. Persone con ulcera peptica, dispepsia, gastriti ipersecretive, reflusso gastro-esofageo, ipertensione arteriosa o aritmie cardiache, ipercolesterolemia, ipersensibilità alla caffeina devono continuare a seguire le indicazioni ricevute dal proprio medico o dal nutrizionista.

 

 

 

 

References

– Di Maso M, et al – Caffeinated Coffee Consumption and Health Outcomes in the US Population: A Dose-Response Meta-Analysis and Estimation of Disease Cases and Deaths Avoided. Adv Nutr 2021 Feb 11;nmaa177

– Kolb H, et al – Coffee and Lower Risk of Type 2 Diabetes: Arguments for a Causal Relationship. Nutrients 2021 Mar 31;13(4):1144

– Marilyn C Cornelis – Coffee and type 2 diabetes: time to consider alternative mechanisms? The American Journal of Clinical Nutrition, Volume 111, Issue 2, February 2020, Pages 248–249

– An Na Kim, Hyun Jeong Cho , et al – Coffee Consumption, Genetic Polymorphisms, and the Risk of Type 2 Diabetes Mellitus: A Pooled Analysis of Four Prospective Cohort Studies. Int J Environ Res Public Health 2020 Jul 26;17(15):5379

– Kolb H, et al – Health Effects of Coffee: Mechanism Unraveled? Nutrients 2020 Jun 20;12(6):1842

– Sabina Semiz, Fadila Serdarevic – Prevention and Management of Type 2 Diabetes and Metabolic Syndrome in the Time of COVID-19: Should We Add a Cup of Coffee? Front Nutr 2020 Oct 6;7:581680

– Katarzyna Socała 1, Aleksandra Szopa 2, et al – Neuroprotective Effects of Coffee Bioactive Compounds: A Review. Int J Mol Sci 2020 Dec 24;22(1):107

– Rob M van Dam, Frank B Hu, Walter C Willett – Coffee, Caffeine, and Health. N Engl J Med 2020 Jul 23;383(4):369-378

– Büşra Başar Gökcen 1, Nevin Şanlier – Coffee consumption and disease correlationsCrit Rev Food Sci Nutr 2019;59(2):336-348

– Carlström M, Larsson SC – Coffee consumption and reduced risk of developing type 2 diabetes: a systematic review with meta-analysisNutr Rev 2018 Jun 1;76(6):395-417

– Ming Ding, Shilpa N, et al – Caffeinated and Decaffeinated Coffee Consumption and Risk of Type 2 Diabetes: A Systematic Review and a Dose-Response Meta-analysisDiabetes Care 2014 Feb; 37(2): 569-586

– Muley A, Muley P, Shah M – Coffee to reduce risk of type 2 diabetes?: a systematic reviewCurr Diabetes Rev 2012 May;8(3):162-8

– van Dam RM, Willett WC, Manson JE, Hu FB – Coffee, caffeine, and risk of type 2 diabetes: a prospective cohort study in younger and middle-aged U.S. womenDiabetes Care 2006 Feb;29(2):398-403

– Greenberg JA, Axen KV, et al – Coffee, tea and diabetes: the role of weight loss and caffeineInt J Obes (Lond) 2005 Sep;29(9):1121-9

– van Dam RM, Hu FB – Coffee consumption and risk of type 2 diabetes: a systematic reviewJAMA 2005 Jul 6;294(1):97-104

Acrilammide

L’acrilammide negli alimenti è motivo di preoccupazione per la salute pubblica

 

 

** Il Dr. Danilo Cariolo ha conseguito la Laurea in Scienze Biologiche presso l’Università degli Studi di Parma. Ha frequentato per due anni il Dottorato in Biologia Cellulare e Molecolare dell’Università dell’Insubria. Iscritto all’Ordine Nazionale dei Biologi. Il Dott. Cariolo ha arricchito la propria formazione frequentando corsi di aggiornamento professionale rientranti nella formazione continua in medicina (ECM) nell’ambito della nutrizione e alimentazione umana.
Ha condotto attività di ricerca, prima presso il dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare dell’Università degli Studi di Parma e, in seguito, presso la Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor (Ospedale San Raffaele Milano). È stato docente presso Accademia Avvenire srl.
Ha collaborato e collabora come consulente nutrizionista in numerosi progetti di rilevanza nazionale e per alcuni portali web quali, ad esempio, diabete.com
Ha realizzato progetti e corsi per scuole e centri medici mirati all’educazione alimentare.
Partecipa sistematicamente a Congressi Nazionali ed eventi inerenti la disciplina di sua competenza.

 

Potrebbero interessarti