Diabete: pedalare può allungare la vita?

Diabete: pedalare può allungare la vita?

Con la consulenza del dr. Matteo Cammarata, Specialista in Scienze Motorie, Stilnuovo Palestra della Salute**, Firenze

 

L’uso abituale della bicicletta potrebbe essere un’utile integrazione ai programmi di riferimento per l’attività fisica da consigliare ai pazienti per la gestione quotidiana del proprio diabete. È quanto sostengono gli Autori di un nuovo studio anglo-danese, presentato al Congresso Annuale dell’#EASD2020 (European Association for the Study of Diabetes). L’indagine condotta su oltre 5.500 pazienti adulti in 8 Paesi dell’Europa occidentale ha evidenziato che il ciclismo praticato in modo amatoriale  è associato a un minor rischio di mortalità (25-44%) per tutte le cause e per malattia cardiovascolare tra le persone con diabete. Oltre a fare sano movimento, con la bici ci si sposta più velocemente, soprattutto in città, e non si inquina: produce quindi vantaggi sia per chi la usa che per la collettività favorendo uno stile di vita più sostenibile.

 

La ricerca è stata condotta dal dr. Mathias Ried-Larsen e colleghi al Centro per la Ricerca sull’Attività Fisica del Rigshospitalet di Copenhagen, Danimarca. I ricercatori hanno analizzato le correlazioni tra il tempo speso pedalando e il rischio di mortalità per tutte le cause e per malattie cardiovascolari, per capire se l’introduzione programmata dell’uso della bicicletta potesse essere uno strumento preventivo efficace all’interno del piano terapeutico per la persona con diabete per ridurre tale rischio.

Lo studio, prospettico, di coorte è stato condotto somministrando due questionari distribuiti in otto Paesi dell’Europa occidentale. L’indagine iniziale di riferimento si è svolta tra il 1992 e il 2000, ai partecipanti è stato inviato un questionario di follow-up 5 anni dopo aver completato la prima fase.

Alla selezione iniziale, 7.513 pazienti avevano il diabete, dei quali 5.506 hanno completato il secondo questionario e sono stati inclusi nello studio.

Gli obiettivi primario e secondario erano valutare nell’arco degli anni la mortalità rispettivamente per tutte le cause e per l’insorgenza di malattia cardiovascolari.
Altri parametri valutati erano il tempo medio trascorso da un individuo in bicicletta al basale misurato in minuti alla settimana e il cambiamento della pratica sportiva dal basale alla seconda fase dello studio (follow up di 5 anni).

 

I risultati

Dall’analisi dei dati, si è evidenziato che nel gruppo delle persone che avevano usato la bicicletta si registrava una riduzione notevole del rischio di morte prematura per tutte le cause:

  • chi andava in bicicletta da 1 a 2 ore riduceva il proprio rischio del 24-25%;
  • aumentando il tempo dedicato a pedalare fino a 150-300 minuti alla settimana si otteneva una riduzione del rischio di mortalità per ogni causa del 31%.

 

Non è mai troppo tardi per iniziare

Il team dei ricercatori ha inoltre evidenziato che rispetto alle persone che hanno segnalato di non andare in bicicletta in entrambe le fasi dello studio, non c’era differenza nella mortalità per tutte le cause rispetto a coloro che hanno pedalato nella prima fase e poi si sono fermati; tuttavia, la mortalità era comunque inferiore del 35% nei primi non ciclisti che hanno poi iniziato ad andare in bicicletta e del 44% in meno per le persone che hanno segnalato di andare in bicicletta in entrambe le fasi di studio (2 questionari). Risultati simili sono stati osservati anche per la mortalità cardiovascolare.

 

Conclusioni

  • Gli autori hanno concluso che la pratica regolare del ciclismo – nel campione a livello amatoriale – è associata a un minor rischio di mortalità cardiovascolare e per tutte le cause tra le persone con diabete indipendentemente dalla pratica di altri tipi di attività fisica.
  • I partecipanti che hanno iniziato a pedalare tra il basale e il secondo sondaggio avevano un rischio significativamente inferiore di mortalità sia cardiovascolare che per tutte le cause rispetto ai non ciclisti.
  • Poiché iniziare a pedalare riduce il rischio di mortalità sia per tutte le cause che cardiovascolare tra le persone con diabete, questi risultati suggeriscono che la pratica regolare e strutturata del ciclismo potrebbe essere considerata uno strumento preventivo da integrare nel piano terapeutico dello stile di vita di ciascun paziente per la gestione giornaliera del diabete.

 

NOTA DELL’ESPERTO

“È ormai chiaro quanto l’inattività fisica (sedentarietà) sia deleteria per lo sviluppo e l’aggravarsi delle patologie dismetaboliche come il diabete. Cercare di muoversi di più, nei modi che preferiamo, é sicuramente una scelta intelligente per contrastare questa condizione. Per ottenere il meglio dal movimento, ricordo sempre l’importanza di programmarlo e individualizzarlo sulla base delle proprie necessità, insieme al medico competente e al laureato in scienze motorie.”
Dr. Matteo Cammarata, Specialista in Scienze Motorie, Stilnuovo Palestra della Salute, Firenze

 

 

LEGGI ANCHE

“Fuga. Due ruote, la strada, il diabete” »

Da Alba a Gibilterra, in bicicletta. Dopo 48 anni di DT1 si può! »

Da Cesena a Singapore … for a piece of cake »

– Lo sport… maestro di vita »

‘DIABET-E-BIKE’: 20 diabetici tipo 1 alla conquista dei Monti Lessini »

“Pedalo perché ho voluto la bici, non il diabete” »

La bicicletta come terapia »

 

 

References

– Ried-Larsen, M.G. Rasmussen, et al – Bicycling and all-cause mortality among individuals with diabetes. #EASD2020, 24 settembre 2020, Abs 194

56th EASD Annual Meeting, 21-25 settembre 2020 »

 

 


VUOI CONTATTARE STILNUOVO, LA PALESTRA DELLA SALUTE?
Ecco tutti i riferimenti per i contatti
@stilnuovohealthfitnessclub
? 055 573683 ? 393 941 0448
? info@stilnuovo.org
? www.stilnuovo.org

 

**  Fosse solo una palestra, non si chiamerebbe Stilnuovo. La squadra di professionisti di Stilnuovo, composta da tecnici federali, laureati e specializzati in scienze motorie, progetta, realizza e promuove attività motorie e sportive caratterizzate in particolare da progressioni e protocolli di allenamento mirati alla prevenzione al fine di mantenere un buono stato di salute dei propri tesserati-iscritti. Nel farlo, Stilnuovo, la palestra della salute, si affida a una continua ricerca tecnico-scientifica, all’utilizzo di tecnologia all’avanguardia, alla collaborazione con il mondo sanitario ed universitario, alla cura degli elementi ludico-ricreativi propri dello sport e all’estrema attenzione nell’architettura dei nostri ambienti. Non dimentichiamo l’importanza di creare emozioni, proponendo esperienze fitness dinamiche e coinvolgenti, per trasmettere così l’importanza del movimento a tutti i livelli, indipendentemente dall’età o dalle qualità fisiche. Diffondiamo la cultura dello sport e promuoviamo la pratica di esso come fattore di formazione e di benessere psico-fisico, morale e sociale. Mettiamo lo sport al servizio della cultura e della salute al fine di migliorare la qualità della vita… Health Sport Fitness.  

Potrebbero interessarti