Trapianto di Isole Pancreatiche: Cura del Diabete di Tipo 1 - Diabete.com

Diabete Tipo 1: Nuove prospettive di cura con il trapianto di isole “in capsule”

A cura dell’Associazione Medici Diabetologi, AMD*

 

A cento anni dalla scoperta dell’insulina, si apre la strada a una svolta significativa nella cura del diabete di tipo 1. Il Centro Nazionale Trapianti e  l’Ospedale Niguarda di Milano hanno infatti approvato il primo Protocollo di sperimentazione clinica per trapianti di isole pancreatiche ‘in capsule’, da anni allo studio dei principali centri d’avanguardia della trapiantologia, con l’obiettivo di arrivare a una soluzione biologica per il diabete, che non richieda terapie immunosoppressive per prevenire il rigetto d’organo.

La sperimentazione, realizzata con il supporto della Fondazione Italiana Diabete onlus, messa in stand by dal Covid19 e ora pronta a partire, rappresenta un importante passo in avanti per la ricerca in ambito diabetologico, che potrà rivoluzionare la cura del diabete di tipo 1malattia cronica autoimmune che interessa almeno 250mila persone in Italia, soprattutto bambini e adolescenti, ma non solo.

 

Passato, presente e futuro della cura del Diabete Tipo 1 al centro del nuovo Manuale dell’ AMD: “Le prospettive future della cura del diabete mellito di tipo 1”

Realizzato dal Gruppo di Studio ‘Diabete tipo 1’ dell’Associazione Medici Diabetologi, il Manuale AMD verrà presentato il 18 e 19 giugno 2021 in occasione della seconda edizione del Congresso Nazionale AMD dedicato a: “Il diabete tipo 1 a 100 anni dalla scoperta dell’insulina”. Il Manuale ripercorre passato, presente e soprattutto il futuro della cura del diabete tipo 1trapianti, terapie cellulari, cellule staminali e immunoterapie.

 

Diabete tipo 1: Il trapianto di pancreas e di isole pancreatiche

Il trapianto di pancreas e il trapianto di isole pancreatiche rappresentano già oggi due opzioni terapeutiche concrete per chi soffre di diabete di tipo 1, che consentono di raggiungere un’ottimizzazione del compenso glicemico senza la necessità di iniettare l’insulina. I benefici per i pazienti riceventi di trapianto sono molteplici – controllo della glicemia, controllo del metabolismo di zuccheri, proteine e lipidi, rallentamento della progressione delle complicanze diabetiche – e consentono un generale miglioramento della qualità di vita. Si tratta però di due opzioni terapeutiche riservate solo ad alcune categorie di pazienti con specifiche caratteristiche cliniche.

 

La nuova sfida: superare la necessità di terapia immunosoppressiva

“Il trapianto di pancreas, così come il trapianto di isole pancreatiche, al di là dei benefici in termini di salute e qualità della vita, non possono essere propriamente definiti la cura definitiva per il diabete perché impongono al paziente di seguire per tutta la durata del trapianto la terapia immunosoppressiva per scongiurare il rigetto dell’organo o del tessuto trapiantato. Per questo l’indicazione a un trapianto viene data solo a un numero molto selezionato di pazienti con diabete mellito di tipo 1 non responsivi alla terapia tradizionale, o già in terapia immunosoppressiva per altra patologia o trapianto. In Italia, ogni anno le persone con diabete sottoposte a trapianto sono nell’ordine di alcune decine” spiega Federico Bertuzzi, Membro del Gruppo di Studio AMD e Ricercatore presso l’Ospedale Niguarda di Milano. “Oggi, però, grazie all’approvazione del Protocollo di sperimentazione per trapianti di insule ‘in capsule’, frutto di una collaborazione internazionale con l’Università di Perugia e il Diabetes Research Institute di Miami, con i primi otto pazienti già arruolati allo studio, la ricerca clinica è pronta ad affrontare la sfida per arrivare a offrire l’opportunità di trapianti senza ricorrere alla terapia immunosoppressivaL’inserimento delle isole pancreatiche all’interno di micro o macrocapsule consente di ‘proteggere’ le insule dalla distruzione da parte del sistema immunitario, e di prevenire il rigetto”.

 

Nuove prospettive di cura per le persone con diabete tipo 1 che si affiancano alle soluzioni terapeutiche tutt’ora disponibili

Oggi quindi, di fronte alle opportunità offerte dalla ricerca clinica e farmaceutica, il ruolo dei diabetologi è quello di essere consapevoli e pienamente informati sulle soluzioni e le innovazioni terapeutiche per indirizzare i propri pazienti verso le migliori e più personalizzate opzioni di cura. Questo l’obiettivo del lavoro svolto dal Gruppo di Studio ‘Diabete Tipo 1’ dell’Associazione Medici Diabetologi e riassunto all’interno del Manuale AMDLe prospettive future della cura del diabete mellito di tipo 1”, una guida pratica ed estremamente concreta che vuole da un lato promuovere la ricerca d’avanguardia del nostro Paese e dall’altro presentarsi quale strumento di informazione per specialisti e pazienti sulle linee guida e le opportunità di cura, Regione per Regione.

 

Il Manuale del Gruppo di Studio “Diabete Tipo 1”

“Il nostro obiettivo come AMD è stato proprio quello di portare alla luce ‘cosa bolle in pentola’, comprendere le principali innovazioni e fotografare lo stato dell’arte nell’ambito della cura del Diabete Tipo 1, metterlo a disposizione dei professionisti della salute e delle persone con diabete” – specifica Giuliana La Penna, Coordinatrice del Gruppo di Studio ‘Diabete Tipo 1’ di AMD. “Uno strumento-guida, da una parte per raccontare le eccellenze del nostro Paese dal punto di vista della ricerca clinica e della trapiantologia d’avanguardia, ma anche per dare risposte concrete e confutare le ‘fake news’ che, prive di fondamento scientifico, possono rivelarsi delle vere e proprie trappole per i nostri pazienti.”

“Oggi, grazie alle innovazioni cliniche e terapeutiche che si sono susseguite dalla scoperta dell’insulina, 100 anni fa, la vita di una persona con diabete tipo 1 è una vita quasi ‘normale’” – commenta Paolo Di Bartolo, Presidente dell’Associazione Medici Diabetologi. “La terapia insulinica resta la pietra miliare del trattamento del diabete tipo 1: con molecole sempre più efficaci, innovazioni informatiche e tecnologiche è stato possibile migliorare drasticamente la qualità di vita dei pazienti. Ma per tutte quelle persone che non riescono a raggiungere buoni controlli glicometabolici, neppure attraverso le nuove terapie e tecnologie, i trapianti rappresentano l’opzione terapeutica in più! A noi diabetologi il ruolo di indirizzare le persone con diabete verso le migliori strategie di cura possibili”.

 

SCARICA IL NUOVO VOLUME DEL GS DT1
Le prospettive future della cura del diabete mellito tipo 1 »
A cura del Gruppo di Studio DT1 e Transizione dell’AMD, Associazione Medici Diabetologi

 

 

GUARDA I VIDEO REGISTRATI AL NIGUARDA

Il trapianto di pancreas e di isole. 80 anni di Niguarda »

Trapianto di isole pancreatiche al Niguarda »

 

 

 

* L’Associazione Medici Diabetologi (AMD), costituita nel 1974, con oltre 2000 iscritti è la più grande associazione scientifica della diabetologia italiana. Affiliata all’International Diabetes Federation (IDF), AMD: (1) promuove la diffusione sul territorio di strutture idonee alla prevenzione, diagnosi e cura del diabete mellito; (2) si occupa della qualificazione professionale e dell’aggiornamento culturale del personale sanitario operante in tali strutture; (3) si adopera affinché la diabetologia e la figura del medico diabetologo acquisiscano e mantengano la loro autonomia dal punto di vista didattico e clinico e costituiscano il principale punto di riferimento nella cura del paziente con diabete.
L’AMD promuove la ricerca in campo diabetologico, clinico e terapeutico e collabora con le altre istituzioni che hanno finalità e interessi comuni.

 

Potrebbero interessarti