Diabetici più protetti con una dieta vegetariana e la dieta Mediterranea

Diabetici più protetti con una dieta vegetariana e la dieta Mediterranea

A cura del dr. Danilo Cariolo, Biologo Nutrizionista, Milano

 

Diabete di tipo 2: ci sono nuove evidenze che chi ne soffre può ottenere vantaggi sulla gestione della malattia e soprattutto sulla riduzione del rischio cardiovascolare alimentandosi con una dieta vegetariana.
Considerato che il 60-70 % dei soggetti con diabete di tipo 2 muoiono per malattie cardiache, individuare una corretta alimentazione capace di abbassare il rischio cardiovascolare è importante e ha suscitato un notevole impulso per un’ intensa ricerca scientifica.

 

Una recente revisione sistematica ha analizzato 9 studi randomizzati e controllati per un totale di 664 persone con diabete di tipo 2 che assumevano farmaci ipoglicemizzanti, insulina, ipolipemizzanti e/o farmaci anti-ipertensivi.

I dati che emergono è che le diete vegetariane rispetto a quelle non vegetariane portino ai seguenti risultati:

  • riduzione dello 0,29% dell’emoglobina glicata (HbA1c), apparentemente poca cosa ma in realtà è la stessa soglia terapeutica che la Food and Drug Administration degli Stati Uniti utilizza per prendere in considerazione nuovi farmaci contro il diabete. Nota dell’autore: l’emoglobina glicata risente anche della quantità totale di carboidrati e della quantità di attività fisica del proprio stile di vita. Agendo su questi parametri oltre che sul tipo di dieta è possibile in teoria ottenere risultati migliori rispetto a quanto indicato nello studio dove quantità totale di carboidrati e attività fisica non sono stati presi in considerazione;
  • riduzione della glicemia a digiuno;
  • riduzione del colesterolo LDL (colesterolo cattivo) e di quello non-HDL;
  • riduzione del peso, dell’indice di massa corporea e del girovita (noti fattori di rischio cardiovascolare);
  • nessuna differenza significativa per quanto riguarda la pressione arteriosa, i trigliceridi, l’insulina a digiuno, il colesterolo HDL.

 

I risultati non sono così diversi da quanto emerso da altri studi sulla sostituzione delle proteine animali con proteine vegetali e sulla Dieta Mediterranea. Ad oggi riconosciuta universalmente per i suoi effetti positivi sulla salute in genere e su quella cardiovascolare in particolare e anche nel caso di soggetti affetti da “cardiobesità” espressione per considerare in maniera “olistica” la presenza contemporanea di diabete di tipo 2, obesità, sindrome metabolica e patologie cardiovascolari.

Considerato che pochi soggetti attuano una dieta mediterranea e sanno davvero di cosa si tratta, va ricordato che essa non è altro che una dieta tendenzialmente vegetariana con un moderato consumo di pesce e derivati animali come le uova e un basso consumo di carne. Forse inserirla tra le diete vegetariane è sbagliato concettualmente e tecnicamente ma in pratica si assomigliano moltissimo.

Nonostante gli studi stiano correlando con sempre maggiore forza lo stile alimentare con il rischio di ammalarsi di patologie croniche non trasmissibili, la popolazione non ha ancora recepito importanti consigli. I dati statistici mostrati dagli autori nel loro studio sottolineano che meno del 10% della popolazione in Nord America e in Europa adotta un’alimentazione vegetariana.

 

Quali sono i criteri generali per impostare una dieta vegetariana?

  1. Consumare quotidianamente frutta e verdura variando spesso, seguendo i 5 colori della natura e le stagioni; con esclusione delle patate comuni il cui consumo va moderato a causa del loro altissimo indice glicemico.
  2. Consumare una maggiore quantità di cereali integrali e prodotti integrali riducendo il consumo di prodotti raffinati.
  3. Consumare almeno 3-4 volte a settimana i legumi.
  4. Consumare frutta secca a guscio (soprattutto noci e mandorle) e semi vari. Anche quotidianamente, con una moderata quantità di 10-15 g.
  5. Consumare 2-4 volte a settimana pesce e/o prodotti animali come latticini (compreso lo yogurt bianco) o uova secondo la modalità della dieta vegetariana
  6. Ridurre l’eventuale consumo di carne a non più di 300 g a settimana. Scegliendo le carni bianche, limitando quelle rosse ed evitando le carni trasformate come gli affettati.
  7. Evitate o moderate sensibilmente il consumo di dolci, bibite zuccherate/dolcificate e gli alcolici/superalcolici.

 

Per essere sicuri di impostare correttamente la dieta, rivolgetevi almeno all’inizio e per qualsiasi dubbio a un professionista dell’alimentazione o al vostro medico di fiducia perché i consigli citati sono puramente generici e rappresentativi mentre l’alimentazione andrebbe personalizzata considerando la condizione fisiopatologica di ogni singola persona.

 

 

References

– Galbete C, et al – Evaluating Mediterranean diet and risk of chronic disease in cohort studies: an umbrella review of meta-analyses. Eur J Epidemiol 2018 Jul 20

– Viguiliouk E, et al – Effect of vegetarian dietary patterns on cardiometabolic risk factors in diabetes: A systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Clin Nutr 2018 Jun 13.

– Li SS, et al – Effect of Plant Protein on Blood Lipids: A Systematic Review and Meta-Analysis of Randomized Controlled Trials. J Am Heart Assoc 2017 Dec 20;6(12)

– Salas-Salvadó J, et al – Protective Effects of the Mediterranean Diet on Type 2 Diabetes and Metabolic Syndrome. J Nutr 2016 Mar 9

– Viguiliouk E, et al – Effect of Replacing Animal Protein with Plant Protein on Glycemic Control in Diabetes: A Systematic Review and Meta-Analysis of Randomized Controlled Trials. Nutrients 2015 Dec 1;7(12):9804-24

– García-Fernández E, et al – Mediterranean diet and cardiodiabesity: a reviewNutrients 2014 Sep 4;6(9):3474-500

– Viguiliouk E, et al – Effect of tree nuts on glycemic control in diabetes: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled dietary trialsPLoS One 2014 Jul 30;9(7):e103376

– Giugliano D, Esposito K – Mediterranean diet and metabolic diseasesCurr Opin Lipidol 2008 Feb;19(1):63-8

Campagna “mangia a colori” del Ministero della Salute

 

Potrebbero interessarti

  • 23 luglio 2018Effetti delle diete vegetariane sul rischio cardiometabolico e il diabeteNegli ultimi anni le diete vegetariane hanno fatto proseliti in tutto il mondo e le stime sono per un'ulteriore crescita di persone che abbracciano questo stile alimentare. Qual è l'effetto positivo che certe diete possono avere sulla nostra salute? Possono aiutarci in caso di obesità, sindrome metabolica, diabete tipo 2 e altre patologie degenerative tipiche della società occidentale? Posted in A tavola con il diabete, Nutrizione
  • 27 giugno 2018Caffè: aiuta a ridurre il rischio di sviluppo del diabete di tipo 2Il diabete di tipo 2 (DT2) è in costante aumento nella popolazione. La patogenesi del DT2 è multifattoriale e di non facile comprensione ma sono tantissimi gli studi per individuare lo stile di vita, gli alimenti e le sostanze che possono contribuire a prevenirlo. Il consumo abituale di caffè, alimento dal larghissimo consumo in Italia, sembra favorire un abbassamento del rischio di […] Posted in Acqua e bevande
  • 30 giugno 2018Lipotossicità: il Position Paper della Società Italiana di DiabetologiaNell’immaginario collettivo, mangiare troppi dolci e consumare troppo zucchero fanno venire il diabete tipo 2 (DT2). Gli eccessi fanno sempre male e una riduzione dello zucchero è sempre salutare ma le cose non stanno proprio così. Un altro importante fattore di rischio per lo sviluppo del DT2 è il consumo eccessivo di grassi con l’alimentazione abituale. Posted in Linee guida