I geni “fitness flop”

Alcuni geni “fitness flop” pare siano colpevoli di rendere inutili gli sforzi fatti in palestra o a correre. Lo annuncia il quotidiano britannico Telegraph.
Uno studio scientifico dell’Università di Londra pare infatti abbia dimostrato che alcuni geni annullano i benefici dell’attività fisica nel mantenere la salute del cuore o nel preservare dal diabete.
In Europa e negli Stati Uniti 500 persone si sono sottoposte a un programma aerobico cinque volte alla settimana per 30 minuti al giorno: a vari intervalli di tempo gli studiosi hanno verificato che per il 20% del campione l’incremento del consumo di ossigeno nel sangue – indicatore chiave dell’attività aerobica e del benessere dell’organismo – era inferiore al 5%. Davvero trascurabile.
Anche sul fronte del diabete il miglioramento è stato quasi nullo perché il 30% del campione non ha avuto aumento della sensibilità all’insulina.
James Timmons, responsabile dello studio pubblicato sul Journal of Applied Physiology ha spiegato che un consumo basso di ossigeno è un importante fattore di rischio per alcune malattie e per il pericolo di morte prematura; Timmons spiega: «Gli addetti ai lavori tendono a raccomandare e a prescrivere l’esercizio aerobico per aumentare la capacità di consumo. La nostra speranza è riuscire fare queste prescrizioni solo a chi può davvero beneficiare dell’attività fisica, indirizzando chi ha i geni pigri ad altre misure per preservare la propria salute». All’inizio dello studio, prima ancora che le persone scelte per lo studio cominciassero a faticare in palestra, sono stati analizzati i campioni di tessuti muscolari: una trentina fra loro avevano geni legati all’aumento del consumo di ossigeno.

 
Fonte: 5 febbraio 2010, lastampa.it

Potrebbero interessarti

  • 26 marzo 2018Immergersi con il diabete? Si può fare, grazie a “Diabete Sommerso”Diabete Sommerso Onlus, Associazione da anni impegnata nell’educazione terapeutica e nel miglioramento della qualità di vita delle persone con diabete tipo 1 attraverso la subacquea, è tornata con un nuovo corso rivolto anche a diabetologi e istruttori subacquei, per allargare il network di professionisti in grado di supportare le persone con diabete nell’approccio a questa disciplina […] Posted in Movimento
  • 13 maggio 2018Diabete e salute orale: relazione stretta, ma pochi lo sannoUna recente indagine condotta da FAND in collaborazione con l’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica (AIOP) ha scattato una fotografia dello scarso livello di consapevolezza che le persone con diabete hanno sull’impatto che la malattia ha sulla salute di denti e gengive. La survey ha analizzato i disturbi più comuni, i comportamenti adottati e il rapporto con il dentista. Posted in Denti e gengive
  • 30 maggio 2018Gli “Orti della Salute” nelle città, per prevenire obesità e diabete“Il progetto didattico punta a coinvolgere i cittadini, a partire dai più giovani e dalle famiglie, nelle scelte salutari, promuovendo formazione e informazione che mirino a modificare comportamenti inadeguati. L’obiettivo è dare un contributo per prevenire l’insorgere di malattie di grande rilevanza socio-sanitaria come obesità e diabete tipo 2 che pesano sul sistema sanitario e […] Posted in NEWS - 2018