I principali tipi di diabete

Secondo la più recente Classificazione messa a punto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità a cui il mondo scientifico fa riferimento, il diabete comprende due forme principali, di gran lunga le più frequenti, il diabete mellito di tipo 1 e il diabete mellito di tipo 2, che abbracciano la maggior parte dei diabetici. Oltre a queste vengono segnalati il diabete che compare per la prima volta durante la gravidanza (diabete gestazionale o gravidico) e un gruppo eterogeneo che comprende le forme più rare (→ Altri tipi di diabete).

 

La classificazione del diabete
Tipo di diabete Descrizione
TIPO 1
  • L’insulina non viene prodotta o in quantità insufficienti
TIPO 2
  • Si osserva un deficit parziale di secrezione di insulina che in genere progredisce nel tempo ma non porta mai a una carenza assoluta dell’ormone e che si instaura spesso su una condizione, più o meno grave, di insulino-resistenza dovuta a vari fattori (multfattoriale).
GESTAZIONALE
  • Diagnosticato per la prima volta in gravidanza. In genere regredisce dopo il parto; nel 50% dei casi c’è un alto rischio che si ripresenti a distanza di anni con le caratteristiche del diabete di tipo 2.
ALTRO TIPO
  • Forme rare geneticamente determinate (es. MODY, diabete lipoatrofico, diabete neonatale)
  • Malattie del pancreas (es. pancreatite cronica o pancreasectomia)
  • Malattie endocrine (es. acromegalia, ipercortisolismo)
  • Forme indotte da farmaci o sostanze chimiche (es. steroidi, anti-retrovirali, anti-rigetto) o sostanze chimiche)
  • Forme determinate da infezioni
  • Forme rare di diabete mediate per via immunologica
Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità; Commissione Nazionale Diabete, Ministero della Salute

 

Il diabete può essere causato o da un deficit assoluto di secrezione di insulina (diabete di tipo 1, DMT1) o da una ridotta risposta all’azione dell’insulina a livello degli organi bersaglio (insulino-resistenza) come avviene nel diabete di tipo 2 (DMT2) o da una combinazione dei due difetti (come è stato dimostrato in studi recenti). In quest’ultimo caso si evidenziano forme intermedie o diverse dalle due classiche.

Sia pure con modalità differenti nei vari tipi di diabete, l’effetto principale delle alterazioni metaboliche presenti nel diabete è sempre lo stesso: troppo glucosio nel sangue. In termini medici si chiama iperglicemia.

L’iperglicemia cronica del diabete, se non viene tenuta sotto controllo, si associa a complicanze croniche nel lungo termine che portano alla disfunzione e all’insufficienza di differenti organi (danno d’organo), in particolare: occhi, rene, sistema nervoso, cuore e vasi sanguigni.

Potrebbero interessarti

  • 23 maggio 2018Disponibile in Italia una nuova formulazione a base di calcifediolo per il trattamento della carenza di vitamina DCon la consulenza della Prof.ssa Maria Luisa Brandi. Dal 16 Maggio 2018 è accessibile in Italia una nuova formulazione farmacologica, a somministrazione mensile, a base di calcifediolo per trattare lo stato di carenza di vitamina D, oltre che i pazienti affetti da osteoporosi, sindrome da malassorbimento, osteodistrofia renale o con problematiche ossee indotte dal trattamento con […] Posted in Diabete e osteoporosi
  • 9 giugno 2018Diabete tipo 1: emergenza chetoacidosi. È allarme!Stupisce come in Italia ancora manchi una cultura adeguata che permetta una diagnosi precoce del diabete di tipo 1. Nonostante appelli e campagne educazionali, si fatica ancora a riconoscere immediatamente i segnali premonitori del diabete di tipo 1, peraltro semplici da notare: tanta sete e tanta pipì. Basterebbe di prassi un controllo della glicemia. “È indispensabile creare una […] Posted in Diabete di tipo 1
  • 13 maggio 2018Diabete e salute orale: relazione stretta, ma pochi lo sannoUna recente indagine condotta da FAND in collaborazione con l’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica (AIOP) ha scattato una fotografia dello scarso livello di consapevolezza che le persone con diabete hanno sull’impatto che la malattia ha sulla salute di denti e gengive. La survey ha analizzato i disturbi più comuni, i comportamenti adottati e il rapporto con il dentista. Posted in Denti e gengive