Possono insorgere complicanze?

Il diabete, se non viene tenuto costantemente sotto controllo in modo ottimale, può provocare nel tempo, complicanze croniche anche gravi agli occhi, ai reni, al sistema nervoso centrale e periferico e al sistema cardiovascolare.

Il miglioramento nel controllo della glicemia riduce il rischio di insorgenza soprattutto delle complicanze microvascolari (renali ed oculari), della neuropatia periferica (nervi periferici) e, in minor misura, di quelle macrovascolari (infarto, ictus ed arteropatia obliterante degli arti inferiori), che risentono anche di altri fattori, quali pressione arteriosa, colesterolemia etc.

imagemap01

Nelle complicanze a lungo termine giocano un ruolo sia fattori genetici predisponenti, sia fattori ambientali. Tra questi ultimi il fumo, oltre all’ipertensione e al sovrappeso/obesità.

La causa dello sviluppo di complicanze sembra risiedere principalmente nel protrarsi della condizione di iperglicemia che nel tempo altera le strutture tissutali.

Ictus cerebrale

Il diabete mal controllato aumenta il rischio di sviluppare indurimento e restringimento dei vasi sanguigni più grandi o delle arterie con conseguente rischio a livello cerebrale di sviluppare un’ischemia cerebrale fino all’ictus.

Nefropatie

Il diabete può danneggiare i filtri renali, a causa dell’accumulo di glucosio nei piccoli vasi sanguigni che li irrorano. I soggetti con compromissione renale hanno un accumulo di proteine nelle urine in particolare di albumina. Il medico curante sottopone a controlli più attenti i soggetti con albuminuria (presenza di albumina nelle urine) perché rischiano di andare incontro a danni renali più gravi e, con il tempo, a insufficienza renale. Un attento controllo della pressione arteriosa è parte fondamentale del trattamento del diabete e può proteggere dalle complicazioni renali.

Vasculopatie agli arti

Il diabete mal controllato provoca nel tempo disturbi alla circolazione sanguigna periferica (insufficienza circolatoria) degli arti, in particolare quelli inferiori.

Retinopatie

Il diabete può provocare offuscamenti temporanei, aumentare il rischio di cataratta e glaucoma e compromettere la retina, la struttura fotosensibile situata nella parte posteriore dell’occhio (retinopatia). La diagnosi precoce e l’immediato trattamento dei problemi oculari sono molto efficaci nel prevenire la progressione della malattia.

Angina, coronaropatia, infarto

Il diabete mal controllato per lungo tempo può determinare lo sviluppo di angina pectoris, problemi alle coronarie, fino ad aumentare il rischio di infarto.

Disturbi vescicali e sessuali

Un diabete trascurato o mal controllato, nel lungo periodo può portare alla comparsa di disturbi urinari, sessuali e intestinali.

Ulcerazioni/Piede diabetico

Il diabete non controllato può causare neuropatie (danni nervosi) che si manifestano con intorpidimento e formicolii agli arti, crampi ai polpacci, soprattutto notturni, ridotta sensibilità e comparsa di ulcerazioni alla pianta dei piedi. Queste possono degenerare nel piede diabetico che si manifesta con lesioni nervose, deformazioni ossee e disturbi vascolari. La cura dei piedi è estremamente importante per prevenire complicazioni: deve essere scrupolosa e regolare.

Potrebbero interessarti

  • 5 maggio 2019Ipertensione arteriosa: le nuove strategie per sconfiggerlaAl congresso della SIPREC, che si è svolto a Napoli il 21-23 marzo 2019, sono state presentate numerose relazioni dedicate alle più recenti strategie terapeutiche per combattere l’ipertensione arteriosa, oggi considerata uno dei più importanti fattori di rischio cardiovascolari. Un’emergenza mondiale, che colpisce anche l’Italia, sia per l’elevata prevalenza (1 italiano su 4 è […] Posted in Pressione - Ipertensione arteriosa
  • 30 aprile 2019Diabete di tipo 1 (DT1): pubblicati gli Annali AMD 2018Dall’analisi dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD) su 28.538 soggetti ADULTI (età media: 47 anni, 54% uomini, 46% donne) con diabete tipo 1 (durata media: 20 anni) afferenti a 222 servizi di diabetologia in tutta Italia emerge che 1 paziente su 2 ha accesso a buoni livelli di cura e solo il 9% dei pazienti è a target per emoglobina glicata, colesterolo, pressione arteriosa e […] Posted in Assistenza e diabete
  • 10 aprile 2019Com’è cambiato l’approccio al paziente con piede diabeticoDall’attenzione esclusiva alla riduzione del numero delle amputazioni, come obiettivo primario essenziale e dall’iperspecializzazione si è passati a un approccio globale alla prevenzione diagnosi e cura delle complicanze del diabete. Il piede diabetico deve essere infatti gestito da un team multidisciplinare e multiprofessionale integrato, che condivida un progetto di prevenzione, […] Posted in Piede diabetico