Il diabete di tipo 2 in crescita tra adolescenti e giovani adulti

Il diabete di tipo 2 in crescita tra adolescenti e giovani adulti

La prevalenza del diabete di tipo 2 (DT2) negli adolescenti e nei giovani adulti sta aumentando in tutto il mondo, di riflesso alla crescita dell’obesità infantile. Simile per insorgenza al diabete di tipo 2 degli adulti, il DT2 nei giovani manifesta una maggiore predisposizione a vari fattori di rischio, tra cui obesità, storia familiare e stile di vita sedentario. L’insorgenza precoce del diabete di tipo 2 – prima dei 40 anni – si associa a una durata maggiore di esposizione alla malattia e ad un aumentato rischio di complicanze croniche. L’insorgenza del DT2 in giovane età, inoltre, si manifesta in persone nel pieno della propria vita attiva e lavorativa, accentuando l’impatto sociale e personale della malattia. Il diabete tipo 2 nei giovani mostra un carattere molto più aggressivo, che porta allo sviluppo prematuro di complicazioni, con effetti secondari sulla qualità di vita ed effetti sfavorevoli sugli obiettivi a lungo termine, tutti aspetti che andrebbero analizzati e approcciati sin da ora dalle istituzioni per agire con lungimiranza.

 

La prevalenza globale del diabete negli adulti è circa l’8% (dei quali più del 90% soffre di diabete di tipo 2), con una proiezione d’incremento di più del 10% entro il 2040. Sono numeri impressionanti e già noti da tempo – purtroppo – a cui oggi si somma il crescente numero di persone giovani che scoprono di avere il diabete di tipo 2 (DT2). Negli USA, alcune stime di prevalenza riportano un aumento del 31% in giovani tra i 10-19 anni tra il 2001 e il 2009 e del 7% annuo in giovani della stessa età valutati tra il 2002 e il 2012. Nel 2000, l’International Diabetes Federation ha stimato che siano circa 23 milioni i giovani adulti tra i 20-39 anni con DT2 (l’11% di 177 milioni di adulti con diabete di tipo 2). Nel 2013, questa stima era aumentata fino a 63 milioni (16% di 382 milioni di adulti con DT2). Questi numeri stanno aumentando in tutto il mondo anche se sono maggiori in Africa, nel Sud-Est Asiatico e nelle Regioni del Pacifico Occidentale e colpiscono di più ispanici e persone di colore.

 

Declino della funzione ß cellulare

Il meccanismo che porta allo sviluppo del diabete di tipo 2 in soggetti giovani è simile a quello del DT2 in età matura, tuttavia la velocità, l’intensità e le interazioni tra la ridotta sensibilità all’insulina e la secrezione difettosa sembrano essere differenti nei pazienti che sviluppano la malattia in giovane età. Alcuni studi suggeriscono che la perdita della funzione β-cellulare sia accelerata nell’insorgenza del DT2 in giovane età anche se non è ancora chiaro il perché ciò avvenga. Molti studi sono in corso.

 

Meccanismi indotti dall’obesità associata al DT2

La prevalenza dell’obesità tra bambini, adolescenti e giovani adulti con diabete di tipo 2 è molto più elevata rispetto a quella associata a soggetti adulti con DT2 (>80% ver 56%) e analisi di ampi database hanno confermato una forte associazione inversa tra Indice di Massa Corporea (BMI) ed età alla diagnosi del diabete di tipo 2.

Quando il DT2 si presenta in tarda età, la gravità dell’insulino-resistenza è spesso maggiore tra i soggetti con una storia di grave e protratta obesità, in particolare con eccesso di grasso viscerale.

Ulteriori studi hanno documentato che – a tutte le età – l’insulino-resistenza è direttamente associata a un aumento proporzionale di grasso nel muscolo e nel fegato, e che i soggetti giovani con diabete di tipo 2 possono avere una maggiore quantità di grasso nel fegato, fino a tre volte superiore a soggetti con lo stesso BMI senza diabete o con diabete insorto in età matura o avanzata.

In confronto ad adolescenti non obesi, gli adolescenti con obesità, hanno livelli cronicamente elevati di acidi grassi liberi (free fatty acids) circolanti nel sangue, fenomeno che riduce la sensibilità all’insulina e potrebbe contribuire ad aumentare i radicali liberi, responsabili di processi ossidativi e un’insufficiente secrezione insulinica.

La presenza di uno stato infiammatorio cronico – per quanto basso – contribuisce allo sviluppo di insulino-resistenza nel diabete di tipo 2, avviando un processo che determina un’eccessiva produzione di adipochine (tumour necrosis factor-α, interleuchina 1β, proteina C reattiva ad alta sensibilità). L’aumentata concentrazione in circolo di questi markers pro-infiammatori è stata riportata anche in adolescenti con diabete di tipo 2, tra i 12 e i 18 anni.

 

DIABETE TIPO 1 DIABETE TIPO 2
Soggetto giovane
DIABETE TIPO 2
Soggetto maturo o anziano
Genere Nessuna differenza Preponderanza femminile Lieve preponderanza maschile
Etnia Comune tra le persone caucasiche ma può colpire tutte le etnie Tutti i gruppi etnici ne sono affetti ma Ispanici, Afro-Americani, nativi Americani e Asiatici del Sud lo manifestano con maggiore frequenza. Tutti i gruppi etnici ne sono affetti ma Ispanici, Afro-Americani, nativi Americani e Asiatici del Sud lo manifestano con maggiore frequenza.
Quadro clinico Spesso sottopeso, ma l’obesità sta aumentando anche in questi soggetti. Scarsa probabilità di insulino-resistenza. In genere sovrappeso, obeso o gravemente obeso; sindrome metabolica; insulino-resistenza; dislipidemia; ipertensione; sindrome ovario policistico. In genere sovrappeso, obeso o gravemente obeso; sindrome metabolica; insulino-resistenza; dislipidemia; ipertensione; sindrome ovario policistico.
Autoimmunità Presente. Assente. Assente o rara.
Esordio Brusco, improvviso, perentorio. Chetoacidosi. Lento, asintomatico, raramente chetoacidosi. Lento, asintomatico.
Storia familiare La predisposizione familiare potrebbe essere assente. Predisposizione familiare molto forte. Forte predisposizione familiare.
Ruolo dell’insulina nella gestione Indispensabile. Rapida progressione all’insulina (> 50% nel giro di 2-5 anni dopo la diagnosi). Progressione graduale all’insulina (> 5 anni dopo la diagnosi).

 

 

LEGGI ANCHE → Fattori che favoriscono lo sviluppo del diabete di tipo 2 nei giovani

 

 

References

– Lascar N, Brown J, et al – Type 2 diabetes in adolescents and young adultsLancet Diabetes Endocrinol 2018 Jan;6(1):69-80

– Kao KT, Sabin MA – Type 2 diabetes mellitus in children and adolescentsAust Fam Physician 2016 Jun;45(6):401-6

– Wilmot E, Idris I – Early onset type 2 diabetes: risk factors, clinical impact and managementTher Adv Chronic Dis 2014 Nov;5(6):234-44

– Song SH – Emerging type 2 diabetes in young adultsAdv Exp Med Biol 2012;771:51-61

– Wilmot EG, Davies MJ, et al – Type 2 diabetes in younger adults: the emerging UK epidemicPostgrad Med J 2010 Dec;86(1022):711-8

 

Potrebbero interessarti

  • 31 luglio 2018Fattori che favoriscono lo sviluppo del diabete di tipo 2 nei giovaniCome abbiamo visto in un precedente articolo, la prevalenza del diabete di tipo 2 (DT2) con esordio precoce, già in adolescenti e giovani adulti sta aumentando in tutto il mondo, in associazione all’aumento dell’obesità infantile. Ma quali sono i fattori diabetogenici e/od obesiogeni che favoriscono o predispongono allo sviluppo del diabete di tipo 2 in giovane età? Posted in Diabete di tipo 2
  • 17 luglio 2018Urbanizzazione, benessere, salute: l’insostenibile leggerezza della vita nelle nostre cittàSalute urbana o – meglio – come arrivare a costruire città promotrici di salute e non aggravanti di malattie croniche: un tema di estrema attualità di cui si è discusso anche nell’appuntamento del G7 a presidenza italiana e ripreso nel 2018 dall’11th Italian Diabetes & Obesity Barometer Forum che si è svolto a Roma il 3 luglio 2018. Posted in Italia
  • 30 maggio 2018Gli “Orti della Salute” nelle città, per prevenire obesità e diabete“Il progetto didattico punta a coinvolgere i cittadini, a partire dai più giovani e dalle famiglie, nelle scelte salutari, promuovendo formazione e informazione che mirino a modificare comportamenti inadeguati. L’obiettivo è dare un contributo per prevenire l’insorgere di malattie di grande rilevanza socio-sanitaria come obesità e diabete tipo 2 che pesano sul sistema sanitario e […] Posted in NEWS - 2018