Il livello di angiotensina II segnala accumulo di grasso corporeo e insulino-resistenza

Secondo uno studio giapponese negli individui obesi e con diabete di tipo 2 la presenza di angiotensina II nel plasma è strettamente associata al peso corporeo e ai marcatori dell’insulino-resistenza.
Poiché alcuni inibitori dell’enzima che converte l’angiotensina hanno mostrato benefici a livello metabolico quali per esempio la capacità di regolare la pressione sanguigna e la capacità di ridurre l’insorgenza del diabete di tipo 2, un gruppo di ricercatori giapponesi della Toho University Sakura Medical Center ha deciso di studiare più approfonditamente il ruolo dell’angiotensina II nell’obesità e nell’insulino-resistenza, esaminandone i livelli nell’organismo di 50 pazienti obesi e diabetici sottoposti a regime dietetico ipocalorico per la perdita del peso.
L’angiotensina II risultava significativamente correlata al peso corporeo sia nella fase iniziale della ricerca che dopo le 24 settimane di dieta dei soggetti, e la diminuzione del suo livello nel plasma era   correlata in modo significativo con il cambiamento di peso corporeo e con la diminuzione di grasso viscerale. Questo ha indotto gli studiosi a concludere che la circolazione dell’angiotensina II sia associata al metabolismo degli adipociti, ovvero le cellule adipose e che possa quindi essere ritenuto un segnale per l’accumulazione di grasso corporeo e per per la resistenza all’insulina.

 

 

FonteMetabolism 2009; 58: 708-713

Potrebbero interessarti

  • 31 gennaio 2018Differenze principali tra diabete di tipo 1 e di tipo 2Il diabete di tipo 1 ha un esordio sempre brusco più spesso durante l’infanzia e l’adolescenza (può comunque manifestarsi in età adulta in soggetti predisposti). Il diabete di tipo 2 compare più spesso nel soggetto adulto o anziano, dopo i 35-40 anni. Posted in Diabete di tipo 2
  • 14 aprile 2018Prevenzione Diabete tipo 2: il nuovo account Twitter @AemmediDispensa “pillole” di prevenzione il nuovo account twitter dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), cofirmataria insieme ad altre società scientifiche della Campagna lanciata dal Ministero della Salute per prevenire il diabete di tipo 2 (DT2); grazie a una dieta sana ed esercizio costante, i soggetti più a rischio possono ridurre del 50% la propria probabilità di diventare diabetici. Posted in NEWS - 2018
  • 13 aprile 2018Diabete: disponibile anche in Italia il nuovo MiniMed™ Mio™ AdvanceDal marzo 2018, è disponibile anche in Italia, per i pazienti diabetici in terapia con microinfusore di insulina, il nuovo MiniMed™ Mio™ Advance, vera innovazione nel panorama dei set d’infusione. Le sue caratteristiche lo rendono semplice, veloce e intuitivo da sostituire ogni 2 o 3 giorni, agevolando la gestione della terapia con microinfusore nella quotidianità. Posted in NEWS - 2018