Ipoglicemia e diabete tipo 1: ancora uno dei punti critici della terapia del DT1. Quali le possibili soluzioni future? - Diabete.com

Ipoglicemia: ancora uno dei punti critici della terapia del DT1. Quali le possibili soluzioni future?

A cura del prof. Lorenzo Piemonti**, Direttore del Diabetes Research Institute e responsabile del programma di trapianti di isole umane presso l’IRCCS Ospedale San Raffaele, Milano

 

Nel campo dell’ipoglicemia, che resta uno dei principali problemi della terapia del diabete di tipo 1, quali sono le proposte terapeutiche ancora in fase preliminare presentate all’ 81° Congresso dell’ ADA, American Diabetes Association, 25-29 giugno 2021?

I risultati dello studio SAGE condotto su 3.858 soggetti, hanno evidenziato che nei tre mesi precedenti alla valutazione:

  • il 67,7% dei soggetti ha avuto un episodio di ipoglicemia con valori inferiori a 70 mg/dl;
  • il 49,9% con valori inferiori a 54 mg/dl;
  • l’11,9% ha avuto almeno un episodio di ipoglicemia severa nei 6 mesi precedenti.

 

La tecnologia ha dimostrato la possibilità di migliorare il controllo glico-metabolico, senza aumentare il rischio di ipoglicemia, ma non ha ridotto il rischio di ipoglicemia.

Durante l’ADA 2021, sono state evidenziate alcune evoluzioni precliniche nel campo delle cosiddette Smart Insulin, le “insuline intelligenti” cioè formulazioni di insulina in grado di autoregolarsi e rilasciare principio attivo in funzione della disponibilità di glucosio nel sangue.

La prospettiva più concreta è però l’introduzione del glucagone in associazione all’insulina nel repertorio terapeutico.

Il glucagone fino ad ora è stato utilizzato solo come terapia dell’ipoglicemia grave. Lo sviluppo di formulazioni di glucacone stabili sta permettendo la possibilità del suo utilizzo nella prevenzione dell’ipoglicemia in alcune condizioni particolari come l’esercizio fisico intenso, ma soprattutto l’utilizzo nel pancreas artificiale biormonale la cui registrazione a FDA per somministrazione della sola insulina potrebbe arrivare nel 2020 e in associazione con glucagone nel 2023.

 

 

 

** Il prof. Lorenzo Piemonti è Membro del Consiglio Direttivo della Società Italiana di Diabetologia (SID), professore associato di Endocrinologia all’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano e visiting professor presso la Vrije Universiteit di Bruxelles, direttore del Diabetes Research Institute e responsabile del programma di trapianti di isole umane presso l’IRCCS Ospedale San Raffaele, Milano.
Per maggiori informazioni → https://www.unisr.it/docenti/p/piemonti-lorenzo

 

Potrebbero interessarti