Motivazione e trapianto di pancreas

Motivazione e trapianto di pancreas

Mi è capitato di desiderare di cambiare qualcosa nella mia vita, ma di rimanere bloccato nei miei sogni senza fare nemmeno il primo passo…
Quindi, di giustificarmi dicendo a me stesso che mi manca il coraggio, che non è il momento giusto, che mi manca qualcosa.

E mi sono detto subito tre cose importanti che non dovrei mai dimenticare per qualsiasi cosa desidero fare nella mia vita:

 

  1. Se aspetto il momento giusto… potrebbe anche non arrivare mai, perché in realtà è sempre il momento giusto. Basta che IO DECIDA che lo sia!
  1. L’unico modo per farmi venire il coraggio è smettere di pensare e quindi AGIRE! La paura del cambiamento la si vince poco per volta, passando dalla teoria all’azione! E’ sufficiente che io faccia il primo passo per capire che fiducia e coraggio arrivano automaticamente, man mano che mi metto in moto.
  1. Non aspettare di sentirmi pronto al 100 per 100 prima di entrare in azione. Il segreto per un cambiamento di successo è entrare in azione prima ancora di sentirmi effettivamente pronto! Sfidando l’incertezza vinco l’inerzia e procedo verso il mio obiettivo, perfezionandolo strada facendo.

Ma come fare per trovare la giusta motivazione che mi spinge a fare il primo passo senza tornare indietro?

 

Devo trovare UN GRANDE OBIETTIVO, devo PENSARE IN GRANDE!

 

Non è necessario che io abbia ambizioni pazzesche per avere un grande obiettivo, ma è il modo in cui penso che dà più o meno valore al mio scopo.

Pensare in grande mi serve per accendere in me la passione e l’energia per chiedere alla vita quello che sento giusto per me!

Quando voglio veramente cambiare qualcosa nella mia vita, non basta che dica a me stesso frasi del tipo: “mi basterebbe guadagnare un po’ di più” o “vorrei essere un po’ più efficiente sul lavoro” oppure “mi piacerebbe non avere il #diabetetipo1”.

Non mi servirà nemmeno più di tanto applicare qualche modifica al mio quotidiano della serie: lavorare di più, alzarmi prima al mattino, o semplicemente mettermi a dieta.

Se non metto dietro a questi traguardi passione ed energia, rimarranno sempre traguardi non abbastanza grandi cui tendere e per i quali perderei l’entusiasmo facilmente.

E quando mi accorgo che le cose rimangono sempre le stesse, mi giustificherò dicendo che tanto nella vita non cambia mai niente….

Se invece mi abituo a dare più valore alle mie idee, dando a me stesso il permesso di immaginare liberamente il mio futuro senza autogiudicarmi, creo poco per volta i presupposti per coltivare dentro di me una motivazione forte.

Si tratta di prendere il comando della mia vita e di pensare che da ordinaria può trasformarsi in straordinaria, grazie alla mia ispirazione e alla mia passione!

Quindi, quando voglio attuare un cambiamento nella mia vita anche se piccolo, devo ricordarmi di non essere timoroso nel chiedere di più, ma pensare in grande!

Più metto energia e passione nel mio progetto e più probabilità avrò di attuarlo con successo.

Immaginarmi mentre ho già raggiunto ciò che voglio: mi guardo mentre parlo e mi muovo, penso a come respiro, come sorrido, penso al mio sguardo, alla mia condizione e comincio a vivere come se avessi già realizzato il mio obiettivo.

Poiché noi diventiamo quello che pensiamo, immaginare in modo vivido ciò che voglio, mi conduce verso la realizzazione del mio scopo. #trapiantodipancreas.

Dopodiché ricordo le cose che ho detto all’inizio: non posso aspettare troppo tempo prima di entrare in azione, ma faccio il primo passo ancora prima di sentirmi effettivamente pronto al 100 per 100.

 

Man mano che vado avanti mi accorgo che il coraggio cresce e la mia motivazione si fa sempre più forte!

 

IL TRAPIANTO E’ VITA.

Potrebbero interessarti

  • 24 maggio 2018La ricerca italiana in diabetologia: tante eccellenze, pochi finanziamenti5mila pubblicazioni su riviste internazionali dal 2000 ad oggi. 500 ricercatori italiani impegnati nel campo della ricerca sul diabete. La ricerca italiana è tra le più quotate nel mondo. Peccato che venga poco valorizzata e promossa dai magri finanziamenti pubblici (una media di circa 8 mila euro all’anno per singolo ricercatore). L’appello della Fondazione Diabete Ricerca Onlus a […] Posted in Ricerca scientifica
  • 27 giugno 2018Caffè: aiuta a ridurre il rischio di sviluppo del diabete di tipo 2Il diabete di tipo 2 (DT2) è in costante aumento nella popolazione. La patogenesi del DT2 è multifattoriale e di non facile comprensione ma sono tantissimi gli studi per individuare lo stile di vita, gli alimenti e le sostanze che possono contribuire a prevenirlo. Il consumo abituale di caffè, alimento dal larghissimo consumo in Italia, sembra favorire un abbassamento del rischio di […] Posted in Acqua e bevande
  • 30 maggio 2018Gli “Orti della Salute” nelle città, per prevenire obesità e diabete“Il progetto didattico punta a coinvolgere i cittadini, a partire dai più giovani e dalle famiglie, nelle scelte salutari, promuovendo formazione e informazione che mirino a modificare comportamenti inadeguati. L’obiettivo è dare un contributo per prevenire l’insorgere di malattie di grande rilevanza socio-sanitaria come obesità e diabete tipo 2 che pesano sul sistema sanitario e […] Posted in NEWS - 2018