Chi è e che cosa fa l’Associazione OSDI?

Chi è e che cosa fa l’Associazione OSDI?

A cura della d.ssa Silvia Maino, Vicepresidente OSDI (Operatori Sanitari di Diabetologia Italiani), Regione Lombardia

 

L’Associazione OSDI (Operatori Sanitari di Diabetologia Italiani) nasce nel 1989 e ha diverse finalità nell’ambito della prevenzione del diabete e dell’assistenza al paziente con diabete.

 

Ufficializzare il ruolo fondamentale dell’infermiere esperto in prevenzione e/o assistenza del paziente con diabete

L’Associazione OSDI, da sempre si prefigge l’obiettivo di promuovere lo sviluppo professionale migliorando la cultura e la preparazione degli infermieri che si occupano dell’assistenza alla persona con diabete in ogni setting di cura.
Nonostante sia noto il ruolo fondamentale dell’infermiere nei team di diabetologia, non è ancora istituzionalmente riconosciuta la figura dell’infermiere esperto in questo campo, per questo ed altre ragioni, non sempre l’infermiere di diabetologia ha la possibilità di mettere a disposizione tutte le proprie competenze.

OSDI, consapevole di quanto ciò sia importante, da anni sta promuovendo iniziative atte a favorire l’istituzione ufficiale della figura dell’infermiere esperto in prevenzione e assistenza diabetologica.

 

L’Associazione OSDI collabora con Ministero della Salute, Regioni, Aziende Sanitarie, Istituzioni, nella promozione e nello sviluppo di iniziative atte a migliorare gli interventi a favore delle persone affette da diabete. Gestisce percorsi integrati di cura per assicurare alla persona con diabete la migliore qualità di cura possibile dal momento del ricovero ospedaliero, al servizio di diabetologia, al territorio. Collabora nella gestione del diabete gestazionale durante la gravidanza delle donne con diabete e nella delicata fase di transizione dell’adolescente con diabete al servizio di diabetologia dell’adulto.

 

L’Associazione OSDI opera su tutto il territorio nazionale ed è divisa in 15 Sezioni Regionali: Liguria-Piemonte, Lombardia, Trentino-Alto-Adige, Veneto, Friuli-Venezia-Giulia, Emilia-Romagna, Toscana, Marche, Umbria, Abruzzo, Campania, Puglia, Calabria, Sicilia, Sardegna.

 

Una formazione che copre tutti gli aspetti della professione di infermiere

Dal 2010, OSDI è Provider per la Formazione Continua in Medicina (ECM) accreditato con il numero 883 sia per eventi residenziali sia per la formazione a distanza (FAD). In data 20/02/2014 OSDI ha ottenuto l’Accreditamento Standard.
La formazione offerta dall’Associazione OSDI è attestata in diversi campi di applicazione: dalla clinica alla pratica professionale, fino agli aspetti organizzativi e legislativi della professione infermieristica.
L’intento che guida l’Associazione OSDI è quello di garantire una formazione professionale che possa essere trasmessa e percepita anche dai pazienti con diabete. Nello svolgimento delle attività formative, infatti, l’attività teorica è quasi sempre arricchita da esercitazioni pratiche che permettono agli infermieri di acquisire capacità di autonomia da trasferire efficacemente nella pratica quotidiana con i pazienti.

 

Un’assistenza di eccellenza al paziente con diabete e ai familiari

OSDI ritiene che sia necessario dare ai pazienti un’assistenza di alto profilo che può essere fornita solo da un infermiere professionista preparato e capace. Dall’esigenza di progettare ed erogare eventi formativi di qualità è nata, nel 2005, la “Scuola di Formazione Permanente OSDI” (S.F.O.). Proprio al fine di garantire a tutti i soci percorsi di formazione che rispondano a criteri di coerenza e di efficacia, misurabili e in continuo miglioramento, la SFO ha scelto di certificarsi secondo le norme UNI EN ISO 9000.

 

OSDI dispone anche di un proprio organo d’informazione

Sul trimestrale “In … Formazione”, riservato ai soci dell’Associazione, vengono pubblicati lavori di interesse didattico, scientifico e assistenziale riguardanti il diabete, l’obesità e argomenti correlati.

 

Il Position Statement OSDI 2011-12

Nel 2011, il Direttivo Nazionale OSDI ha ampliato le sue prospettive. Partendo dalla forte richiesta degli associati e da un’ ormai maturata esigenza di lavorare con maggiore rigore scientifico, OSDI ha realizzato un documento d’indirizzo che evidenzia le basi razionali disponibili nell’assistenza al paziente con diabete. Sono stati trattati, in particolare, i seguenti argomenti: la terapia con insulina, l’automonitoraggio della glicemia e l’autogestione, l’attività fisica, la prevenzione e la cura del piede, l’alimentazione e l’educazione terapeutica, il diabete in età evolutiva. Il lavoro si è concluso nel corso del 2012 con la pubblicazione delle Raccomandazioni di Trattamento Assistenziale in campo diabetologico: le Position Statement OSDI 2011-12

L’Associazione OSDI, cercando di stare al passo con quanto sta accadendo anche rispetto agli obiettivi del Piano Nazionale, ha istituito nel dicembre 2016 la Fondazione Chronic Care. Fondazione nata con la volontà di preparare gli infermieri, non esperti in diabetologia, ed altre figure quali care giver e familiari, ad accogliere le cronicità nelle strutture predisposte, ove esistono, oppure nella propria casa.

OSDI è fermamente convinta che solo un infermiere adeguatamente preparato e competente possa fornire un’assistenza di qualità volta al miglioramento della condizione di vita quotidiana della persona con diabete.

 

 

Potrebbero interessarti

  • 18 aprile 2018Obiettivi e modello dell’ Educazione Terapeutica del paziente con diabeteA cura della d.ssa Silvia Maino, Vicepresidente OSDI (Operatori Sanitari di Diabetologia Italiani), Regione Lombardia. L'Educazione Terapeutica è un processo condiviso sin dall’inizio con il paziente che ha il diabete, e può essere erogata a livello individuale o in gruppo. L’Educazione Terapeutica ha obiettivi ben precisi ed è parte integrante del processo di assistenza […] Posted in Educazione terapeutica e diabete
  • 22 maggio 2018I Centri Diabetologici allungano la vitaUna recente metanalisi di studi italiani pubblicata sul numero di maggio della prestigiosa rivista Nutrition, Metabolism and Cardiovascular Disease e basata su dati prospettici raccolti in Lombardia, Veneto e Piemonte, ha evidenziato che le persone con diabete assistite anche presso i Centri Diabetologici (oltre 500 in tutta Italia) presentano una mortalità per tutte le cause ridotta […] Posted in Italia
  • 9 giugno 2018Diabete tipo 1: emergenza chetoacidosi. È allarme!Stupisce come in Italia ancora manchi una cultura adeguata che permetta una diagnosi precoce del diabete di tipo 1. Nonostante appelli e campagne educazionali, si fatica ancora a riconoscere immediatamente i segnali premonitori del diabete di tipo 1, peraltro semplici da notare: tanta sete e tanta pipì. Basterebbe di prassi un controllo della glicemia. “È indispensabile creare una […] Posted in Diabete di tipo 1