Zuccheri e dolcificanti: quale interazione con il microbiota intestinale? - Diabete.com

Zuccheri e dolcificanti: quale interazione con il microbiota intestinale?

A cura del dr. Danilo Cariolo, Biologo Nutrizionista, Milano**

Esiste una stretta relazione tra zuccheri, edulcoranti naturali e dolcificanti artificiali con il microbiota intestinale: sempre più studi lo dimostrano. Il quadro che emerge è che per capire se certe sostanze sono salutari o meno e/o per conoscere in che quantità o modalità di consumo siano salutari o meno non può essere sufficiente soffermarsi alla quantità di calorie che si introducono con il loro consumo o al momentaneo effetto sulla glicemia. Queste sostanze possono avere degli effetti più profondi di quanto si sia pensato fino a qualche anno fa.

 

Una recente revisione sistematica dei lavori condotti fino a oggi ha provato a fare luce sugli effetti e sui meccanismi mediante i quali il microbiota intestinale (una volta chiamato “flora intestinale”) si adatta alla dieta ricca di zuccheri, polioli e dolcificanti.

 

Gli zuccheri sono in grado di modificare il microbiota intestinale in pochi giorni

batteri intestinali sono capaci di utilizzare gli zuccheri e gli edulcoranti/dolcificanti e un ambiente ricco di tali sostanze porta i batteri stessi a cambiamenti nel loro metabolismo e/o nel loro equilibrio reciproco. Anche se non tutti gli studi sono sull’uomo si è visto che il glucosio, il fruttosio, la saccarina per citarne alcuni portano a uno squilibrio del microbiota nell’ospite.

 

Ruolo del  microbiota nello sviluppo di malattie metaboliche

Oltre a modificare la struttura del microbiota, gli zuccheri e i dolcificanti aggiunti possono portare a far aumentare nei batteri la produzione di enzimi metabolici coinvolti nel trasporto e nel metabolismo degli zuccheri. L’aumento di questi enzimi metabolici nei batteri intestinali nell’uomo è associato a un aumento del rischio di diabete di tipo 2, obesità (perché i metaboliti batterici forniscono energia aggiuntiva all’ospite), tumore del colon-retto e potenziale sviluppo di resistenza agli antibiotici.

Sono necessari maggiori studi per individuare i singoli effetti di un determinato zucchero e quali sono le conseguenze generali di un determinato mix di zuccheri e dolcificanti introdotti abitualmente dalla dieta di un individuo. Gli autori della revisione suggeriscono che è importante valutare le conseguenze del consumo di zuccheri e altri edulcoranti, naturali o artificiali, sulle interazioni microbiota-ospite per poter determinare la sicurezza di certi prodotti alimentari e i loro effetti di lungo periodo.

 

Il consumo di dolcificanti è sicuro?

Ad oggi le principali autorità internazionali di sicurezza alimentare e di salute (FDA, EFSA, OMS, CREA) ritengono sicuro il consumo di dolcificanti nei livelli approvati [dose giornaliera ammissibile (DGA)] perché nel breve periodo non mostrano tossicità e perché spesso gli studi che mostrano effetti negativi lo fanno a dosi elevate che per il consumo umano potrebbero essere trascurabili. Occorre però, considerare che la dieta di un individuo non è solo la singola dose di una sostanza seppur ritenuta sicura ma una complessa introduzione di una moltitudine di sostanze chimiche, naturali e non. Perciò gli effetti del complesso mix di sostanze introdotte con la dieta moderna tra cui anche zuccheri, dolcificanti, additivi chimici, eventuali contaminanti, ecc., considerando anche le varie fasi di vita della persona, andrebbero indagati e compresi più a fondo.

 

 

LEGGI ANCHE

– Sostituti naturali dello zucchero »

– Sostituti artificiali dello zucchero »

– “Disintossicarsi” dal consumo eccessivo di zucchero: vademecum pratico per diabetici e non solo »

Microbiopassport® : che cos’è e quando può servire »

 

 

References

– Redondo-Useros N, Nova E, González-Zancada N, Díaz LE, Gómez-Martínez S, Marcos A – Microbiota and Lifestyle: A Special Focus on Diet. Nutrients. 2020 Jun 15;12(6):1776

– Schiano C. et al – Non-nutritional sweeteners effects on endothelial vascular function. Toxicol In Vitro 2020 Feb;62:10469

– Mooradian AD – In search for an alternative to sugar to reduce obesity. Int J Vitam Nutr Res. 2019 Sep;89(3-4):113-117

– Sara C Di Rienzi, Robert A Britton – Adaptation of the Gut Microbiota to Modern Dietary Sugars and Sweeteners. Adv Nutr 2019 Nov 7

– Lobach AR et al – Assessing the in vivo data on low/no-calorie sweeteners and the gut microbiota. Food Chem Toxicol 2019 Feb;124:385-39

– Nagai N et al – Changes in plasma glucose in Otsuka long-evans Tokushima Fatty rats after oral administration of maple syrup. J Oleo Sci 2015 Mar 1;64(3):331-5

– Payne AN et al. Gut microbial adaptation to dietary consumption of fructose, artificial sweeteners and sugar alcohols: implications for host-microbe interactions contributing to obesity. Obes Rev 2012 Sep;13(9):799-809

 

 

 

** Il Dr. Danilo Cariolo ha conseguito la Laurea in Scienze Biologiche presso l’Università degli Studi di Parma. Ha frequentato per due anni il Dottorato in Biologia Cellulare e Molecolare dell’Università dell’Insubria. Iscritto all’Ordine Nazionale dei Biologi. Il Dott. Cariolo ha arricchito la propria formazione frequentando corsi di aggiornamento professionale rientranti nella formazione continua in medicina (ECM) nell’ambito della nutrizione e alimentazione umana.
Ha condotto attività di ricerca, prima presso il dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare dell’Università degli Studi di Parma e, in seguito, presso la Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor (Ospedale San Raffaele Milano). È stato docente presso Accademia Avvenire srl.
Ha collaborato e collabora come consulente nutrizionista in numerosi progetti di rilevanza nazionale e per alcuni portali web quali, ad esempio, diabete.com
Ha realizzato progetti e corsi per scuole e centri medici mirati all’educazione alimentare.
Partecipa sistematicamente a Congressi Nazionali ed eventi inerenti la disciplina di sua competenza.

 

 

Potrebbero interessarti