Arrivano le feste. Ho il diabete tipo 2: che cosa faccio?

Arrivano le feste. Ho il diabete tipo 2: che cosa faccio?

A cura del dr. Danilo Cariolo, Biologo Nutrizionista, Milano**

 

Arrivano le festività natalizie e l’anno nuovo e la prima cosa a cui pensiamo sono i pranzi e le cene con familiari e amici ricche di dolci, cibi elaborati e porzioni abbondanti. Per chi ha il diabete di tipo 2 l’idea di dover affrontare questo periodo spaventa e sembra che mangiare sano e in maniera congrua alla propria condizione sia una vera “mission impossible” tanto che molto spesso le persone preferiscono lasciarsi andare e pazienza alla glicemia…. “tanto c’è sempre il farmaco che aiuta.”
Invece con una buona pianificazione e un po’ di aiuto da parte di familiari e amici è possibile tenere sotto controllo la glicemia senza dover fare troppe rinunce o sentirsi “diversi” dagli altri.

 

Di seguito qualche consiglio per pianificare al meglio questo periodo in cui spesso le cene iniziano ben prima di Natale.

  • Limitare i pasti abbondanti ai soli giorni di festa. Negli altri giorni mangiare normalmente ed evitare di consumare i dolci avanzati come prima colazione e/o dopo i pasti principali.
  • Recarsi alle feste pre-natalizie avendo già fatto uno spuntino in modo tale da evitare di avere molta fame davanti a una tavola imbandita e golosa.
  • Prima di iniziare a mangiare vagliare il menu e le pietanze e optare per quelli più salutari per la propria condizione e lasciando per le altre pietanze solo l’idea di una forchettata di assaggio.
  • Optare in generale per piccole porzioni.
  • Evitare le bevande zuccherate e limitare il più possibile gli alcolici.
  • Fare solo piccoli assaggi dei cibi più grassi, ricchi di zuccheri e carboidrati.
  • Fare una passeggiata dopo i pasti.
  • Preparare piatti gustosi e bilanciati per la propria condizione oltre ai piatti tradizionali. È possibile stupire familiari ed amici ed insegnare loro che si riesce a mangiare con gusto prendendosi anche cura della salute.
  • Preparare dolci bilancianti fatti in casa con ingredienti di qualità, meno zucchero e grassi rispetto agli analoghi industriali.
  • Controllare spesso la glicemia.

 

 

** Il Dr. Danilo Cariolo ha conseguito la Laurea in Scienze Biologiche presso l’Università degli Studi di Parma. Ha frequentato per due anni il Dottorato in Biologia Cellulare e Molecolare dell’Università dell’Insubria. Iscritto all’Ordine Nazionale dei Biologi. Il Dr. Cariolo ha arricchito la propria formazione frequentando corsi di aggiornamento professionale rientranti nella formazione continua in medicina (ECM) nell’ambito della nutrizione e alimentazione umana.
Ha condotto attività di ricerca, prima presso il dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare dell’Università degli Studi di Parma e, in seguito, presso la Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor (Ospedale San Raffaele Milano). È stato docente presso Accademia Avvenire srl.
Ha collaborato e collabora come consulente nutrizionista in numerosi progetti di rilevanza nazionale e per alcuni portali web quali, ad esempio, diabete.com
Ha realizzato progetti e corsi per scuole e centri medici mirati all’educazione alimentare.
Partecipa sistematicamente a Congressi Nazionali ed eventi inerenti la disciplina di sua competenza.

 

 

Potrebbero interessarti

  • 11 Aprile 2021Il decalogo del buon sonnoI medici per la cura del sonno e gli psicologi consigliano alcune semplici regole per migliorare la qualità del sonno e di conseguenza l’efficienza diurna. Eccole nell'articolo, le conosci e metti in pratica tutte? Posted in Sonno e diabete
  • 9 Giugno 2021Pancreas 404: un progetto di comunità di giovani adulti con diabetePancreas 404 è un progetto collettivo nato dall’incontro di giovani adulti con diabete (in particolare diabete tipo 1) da tutta Italia. Un semplice filo narrativo unisce tutte le storie: Cos’è per te il diabete? Posted in Progetti
  • 8 Maggio 2021Ipoglicemia: la regola del 15La “regola del 15” rappresenta un sistema di trattamento/correzione dell’ipoglicemia di grado lieve-moderato (ovvero in cui l’individuo è cosciente e in grado di assumere alimenti per bocca) che compare a partire da valori di glicemia inferiori a 70 mg/dl. Posted in Ipoglicemia