Per gli ex fumatori è alto il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2

Secondo i risultati di un recente studio inglese sembra che abbandonare il vizio del fumo possa aumentare il rischio di ammalarsi di diabete di tipo 2.
Un rischio che i ricercatori dell’Istituto John Hopkins sono anche riusciti a quantificare: dalla ricerca è emerso infatti che per coloro che smettono di fumare il rischio di diventare diabetici nei primi sei anni di astinenza è del 70% in più rispetto a chi continua a fumare e a chi non ha mai cominciato.
La motivazione dei ricercatori è che, per sopperire alla mancanza delle sigarette, gli ex fumatori trovano solitamente un sostituto nel cibo, in particolar modo nei dolci, incrementando così sia la tendenza a prendere peso che il pericolo di sviluppare il diabete di tipo 2.
Il consiglio dei ricercatori naturalmente non è quello di continuare a fumare (anche perché i fumatori hanno comunque un rischio di sviluppare il diabete più alto del 30% rispetto ai non fumatori), tuttavia sottolineano l’importanza di tenere sotto controllo l’alimentazione e l’eventuale aumento di peso.
Un controllo che va mantenuto soprattutto durante i primi tre anni di astinenza dal vizio, quando in media si ingrassa di 3.8 chili e il rischio diabete è più elevato. Superati i dieci anni senza fumo la probabilità di sviluppare il diabete tornano invece nella norma.

 

 
Fonte: 5 gennaio 2010, agi.it

Potrebbero interessarti

  • 14 aprile 2018Prevenzione Diabete tipo 2: il nuovo account Twitter @AemmediDispensa “pillole” di prevenzione il nuovo account twitter dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), cofirmataria insieme ad altre società scientifiche della Campagna lanciata dal Ministero della Salute per prevenire il diabete di tipo 2 (DT2); grazie a una dieta sana ed esercizio costante, i soggetti più a rischio possono ridurre del 50% la propria probabilità di diventare diabetici. Posted in NEWS - 2018
  • 4 aprile 2018Nefropatia diabetica: quale aiuto dall’alimentazione?La nefropatia che può manifestarsi nelle persone con diabete ma anche in chi soffre di ipertensione arteriosa è una condizione di insufficienza renale cronica. Una corretta alimentazione, con un particolare controllo sull’assunzione delle proteine (il cui metabolismo viene alterato in caso di nefropatia diabetica) può aiutare a proteggere i reni nei soggetti predisposti. Posted in Nefropatia, Nutrizione
  • 20 marzo 2018Nefropatia diabetica: complicanza per oltre 1 milione di diabetici italianiAncora troppe complicanze a carico dei reni per chi soffre di diabete: circa il 30 - 40% dei pazienti sviluppa una nefropatia diabetica, che è oggi la principale causa di insufficienza renale cronica nel mondo occidentale. 2 persone con diabete su 10 entrano in dialisi. Se n’è parlato al 3rd AME Diabetes Update 2018, appuntamento che ha riunito numerosi Specialisti Endocrinologi, a […] Posted in Nefropatia