A Cotignola Centro per il Piede Diabetico

Al Villa Maria Cecilia Hospital di Cotignola (Ravenna) il professor Luca Dalla Paola, medico chirurgo specialista in Endocrinologia e Malattie del Ricambio, sta creando con la sua équipe un Centro per la diagnosi e il trattamento del piede diabetico mettendo a frutto l’esperienza maturata ad Abano Terme, dove aveva creato un centro di importanza nazionale per la diagnosi e la cura del piede diabetico. L’obiettivo del nuovo Centro è di arrivare a 100 visite ambulatoriali al giorno e a 1.500 ricoveri all’anno.
Come spiega il professor Dalla Paola: «Il diabete cresce in modo preoccupante, ne soffre infatti il 7% della popolazione, di cui il 15% subisce le conseguenze di complicanze croniche agli arti inferiori, risolte finora con l’amputazione e le relative, gravi conseguenze sulla vita del paziente e i notevoli costi sociali. Oggi però l’amputazione non è più l’unica strada contro le infezioni che si aggrediscono invece preventivamente, evitando così l’amputazione nel 90% dei casi».
I centri specializzati nel trattamento del piede diabetico sono in Italia ancora insufficienti rispetto alla diffusione della malattia: due a Milano, uno a Pisa, uno a Roma e ora quello in nascita a Cotignola, che rimpiazza quello di Abano Terme. Il professor Dalla Paola aggiunge: «A Cotignola intendo allestire un team multidisciplinare in cui siano coinvolti diabetologi, cardiologi, chirurghi vascolari e chirurghi plastico-ricostruttivi per creare una rete virtuosa che sia in grado di fare prevenzione e ridurre i costi assistenziali».
Luca Dalla Paola, vicentino, si è laureato all’Università di Padova nel 1990 dove si è anche specializzato in Endocrinologia e Malattie del Ricambio; dal 1990 al 2006 ha prestato servizio nella Divisione di Malattie del Ricambio e Servizio di Diabetologia dell’Ospedale Regionale S.Bortolo di Vicenza; dal 1996 al 2003 è stato organizzatore e responsabile del Servizio di Endocrinologia e Malattie del Ricambio alla Casa di Cura ‘Villa Berica’ di Vicenza. Ha fondato l’Unità Operativa per il trattamento del Piede Diabetico presso il Presidio Ospedaliero di Abano Terme, della quale è stato responsabile dal 2003 al marzo 2009, quando è passato al Gruppo Villa Maria. È attualmente professore nella Scuola di specializzazione in Chirurgia Vascolare dell’Università di Bologna e membro di società italiane e internazionali che si occupano della cura del piede diabetico.

 

 
Fonte: 25 marzo 2010, comunicati.net

Potrebbero interessarti

  • 28 settembre 2018I diabetologi AMD “a scuola” di digitalL’Associazione Medici Diabetologi (AMD) lancia il progetto formativo “La digitalizzazione in diabetologia: attualità e prospettive” per favorire una maggiore conoscenza delle diverse tecnologie digitali, risorsa irrinunciabile per la cura del diabete; la nuova formazione deve consentire al diabetologo di saper per scegliere quella più adatta al singolo paziente, aiutandolo a […] Posted in NEWS - 2018
  • 4 settembre 2018Lo psicologo nel team di cura della diabetologia pediatrica: quale ruolo?La figura dello psicologo è una figura poliedrica molto importante nell’ambito di un ambulatorio di diabetologia pediatrica: ha un ruolo di riferimento perché dialoga, supporta e sostiene non solo i bambini/ragazzi/adolescenti che hanno scoperto il diabete di tipo 1 ma anche le famiglie, che hanno bisogno di trovare un nuovo equilibrio e media anche con l’equipe medica per trovare la […] Posted in Aspetti psicologici
  • 16 agosto 2018La terapia fotodinamica nel trattamento del piede diabeticoLa terapia fotodinamica è un trattamento non invasivo, assolutamente indolore, che aiuta a combattere le infezioni presenti nelle lesioni ulcerative dei pazienti con piede diabetico. In questi casi, rappresenta una terapia adiuvante, di supporto alla terapia principale, quella antibiotica che può essere somministrata per bocca, per via intramuscolare o endovenosa. Posted in Piede diabetico