Diabete.com - SOS Stress! 5 consigli utili per riconoscerlo e gestirlo

SOS Stress! 5 consigli utili per riconoscerlo e gestirlo

A cura della Dott.ssa Cecilia Invitti, Direttore Laboratorio Sperimentale di Ricerca di Medicina Preventiva e Responsabile del Servizio Lifestyle Medicine presso IRCCS Istituto Auxologico** Italiano, Milano

 

Sintomi dello stress: come possiamo riconoscerli?

Il nostro organismo reagisce ai fattori stressanti, cioè che impattano negativamente sulla nostra vita, nel tentativo di recuperare un equilibrio compromesso: aumento della frequenza cardiaca e respiratoria, difficoltà ad addormentarsi e frequenti risvegli notturni, ci aiutano a capire che il nostro corpo sta mettendo in atto questa reazione. E quando lo stress inizia a diventare persistente e problematico si innescano meccanismi di allerta spesso accompagnati da reazioni psicologiche come stanchezza, ansia, pianto, rabbia. Ulteriori segnali si possono individuare in situazioni apparentemente banali come dimenticare gli impegni presi o aver meno voglia di portare a termine i compiti quotidiani, una sorta di apatia, così come prenderci meno cura del nostro benessere e del nostro aspetto, facendo meno attività fisica e seguendo un’alimentazione meno sana.

 

Quali sono i principali rimedi per combattere lo stress?

Se l’evento stressante rappresenta un meccanismo transitorio nella nostra vita, come una scadenza importante a livello lavorativo oppure un periodo difficile ma facilmente circoscrivibile:

  • il primo consiglio è quello di riposare e prendersi del tempo per ricaricare le batterie, cercando di non essere troppo intransigenti con noi stessi e ricorrendo ad attività positive che ci aiutino a ripartire e a ritrovare energia.

 

Se, invece, lo stress persiste e diventa una condizione sempre presente nella nostra vita, siamo chiamati a una revisione un po’ più profonda delle nostre abitudini di vita, anche se non necessariamente drastica:

  • un’ottima soluzione consiste nell’impostare valvole di sfogo appaganti per noi stessi come crearsi momenti dedicati alla lettura, alla musica, al giardinaggio o fare attività come yoga, tai-chi e camminate nella natura.
  • Molte persone, inoltre, possono trovare beneficio nella pratica della Mindfulness: un insieme di tecniche di meditazione che ci insegnano a prestare attenzione alle nostre esperienze “qui e ora”. Il rilassamento che spesso ne deriva è solo una delle conseguenze, ma non lo scopo principale della Mindfulness che vuole invece insegnare a evitare di rimuginare sul passato o di vagare inutilmente nel futuro.
  • Nei casi di stress particolarmente debilitante, può essere comunque utile ricorrere a un consulto con un professionista, magari attivando un percorso psicologico per ottenere un sostegno importante.

 

Quanto lo stress può incidere sulla nostra salute?

  • Una condizione cronica di stress può provocare enormi danni alla salute perché a lungo possono insorgere sintomi come tensioni muscolari, mal di testa, svenimenti, alterazioni gastroenteriche, dolori al petto, riduzione della libido, aumento o riduzione del consumo di cibo, abuso di alcolici, fumo e farmaci.
  • Oltre a questo, va considerato che lo stress influisce sul funzionamento del sistema immunitario che deve intervenire rapidamente per difenderci da agenti patogeni (per es. virus, batteri) o riparare lesioni dovute a traumi o stress psicologico. È intuitivo quindi capire come una disfunzione del sistema immune possa contribuire all’insorgenza di molte malattie infiammatorie, autoimmuni e neurodegenerative e anche tumorali.

 

Quanto la nostra condizione di stress è condizionata dal nostro stile di vita?

  • Uno stile di vita scorretto può minare la nostra capacità di reagire agli eventi stressanti: sedentarietà, fumo e un’alimentazione ricca di grassi, zuccheri semplici e alcolici e allo stesso tempo povera di fibre e cereali aumentano lo stato infiammatorio cronico e modificano il microbiota intestinale, diminuendo così la sua capacità di produrre sostanze benefiche per il cervello.
  • Al contrario uno stile di vita sano può proteggerci, non solo dallo sviluppo di malattie croniche, ma anche dalle infezioni. Molti alimenti di origine vegetale contengono infatti sostanze antiinfiammatorie e antiossidanti che modulano la risposta immunitaria con vari meccanismi, compreso l’interazione con il microbiota intestinale.
  • Praticare regolarmente un’attività motoria moderata, inoltre, non migliora solo il sistema cardiovascolare e l’umore, ma rafforza anche le funzioni immunitarie, mentre allenamenti troppo intensi possono deprimerle. Infine, preservare una buona qualità di sonno aiuta a potenziare le nostre energie per contrastare le situazioni stressanti.
  • Creare quindi una routine sana e positiva ci può aiutare a essere costanti, soddisfatti e a stare meglio. Attenzione però a non esagerare, alzando eccessivamente l’asticella e finendo per creare ulteriore stress, piuttosto che ridurlo. Per esempio, alzarsi due ore prima per andare a correre, meditare e leggere, può rappresentare alla lunga uno sforzo eccessivo. Non mettere troppa carne al fuoco e tenere d’occhio la sostenibilità a lungo termine consente di non trovarsi poi ad abbandonare questi cambiamenti positivi. Occorre trovare la giusta misura che consenta di aderire più facilmente a queste buone abitudini.

 

 

LEGGI ANCHE

– Stress e trauma: l’emergenza Coronavirus »

Come affinare le proprie capacità di resilienza »

 

 

 

 

** L’Istituto Auxologico Italiano è una Fondazione che ha come proprie esclusive finalità la ricerca scientifica e l’attività di cura dei pazienti a livello ospedaliero e ambulatoriale. Fondato nel 1958, fin dal 1972 Auxologico è stato riconosciuto dal Ministero della Salute – e sempre confermato – come Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS).
Auxologico è presente in Lombardia e in Piemonte con 13 strutture ospedaliere, poliambulatoriali e di ricerca che lavorano in stretta sinergia per offrire le migliori opzioni diagnostiche e le cure più appropriate a oltre 1 milione di pazienti che ogni anno si rivolgono con fiducia a Auxologico.
Auxologico è una comunità di medici, ricercatori, tecnici, personale sanitario e amministrativo di oltre 2200 persone che ogni giorno mettono a disposizione il proprio impegno e la propria professionalità per la cura della persona.
www.auxologico.it

 

 

Potrebbero interessarti

  • 12 Luglio 2021Che cosa sono i radicali liberi?I radicali liberi o ROS sono molecole di scarto, responsabili dell'invecchiamento, sono una minaccia per la salute poiché mettono a dura prova le difese antiossidanti. Posted in Antiossidanti e radicali liberi
  • 29 Aprile 2021Carotenoidi e salute degli occhiPensando alla salute degli occhi, tra le verdure e la frutta della nostra dieta dovremmo cercare quelle ricche di carotenoidi per via della loro funzione strutturale e capacità antiossidante. I carotenoidi sono pigmenti contenuti principalmente nelle piante. Posted in A tavola con il diabete
  • 17 Maggio 2021Ipoglicemia: tutto ciò che c’è da sapereNella persona con diabete, in terapia con insulina o con farmaci ipoglicemizzanti, l’ipoglicemia si definisce come una riduzione dei valori della concentrazione del glucosio nel sangue (glicemia) al di sotto di 70 mg/dl. Posted in Ipoglicemia