Effetti delle diete vegetariane sul rischio cardiometabolico e il diabete

Effetti delle diete vegetariane sul rischio cardiometabolico e il diabete

Intervista al dr. Danilo Cariolo, Biologo Nutrizionista, Milano

 

Negli ultimi anni le diete vegetariane hanno fatto proseliti in tutto il mondo e le stime sono per un’ulteriore crescita di persone che abbracciano questo stile alimentare. Qual è l’effetto positivo che certe diete possono avere sulla nostra salute? Possono aiutarci in caso di obesità, sindrome metabolica, diabete di tipo 2 e altre patologie degenerative tipiche della società occidentale?
Ne parliamo con il dr. Danilo Cariolo, Biologo Nutrizionista.

 

Le diete vegetariane sono salutistiche o possono farci del male?

Le nuove evidenze scientifiche vanno nella direzione di confermare gli effetti benefici di tali diete e molte società scientifiche sparse per il mondo hanno preso una posizione positiva in merito. L’American Dietetic Association, ADA, la Società Italiana di Nutrizione Umana, SINU, la British Nutrition Foundation, stessa cosa le società di altri paesi come il Canada, l’Australia. La posizione è quella di considerare le diete vegetariane ben bilanciate come salutistiche e sicure nelle varie fasi di vita con qualche eccezione o raccomandazione particolare per le donne in gravidanza, allattamento e bambini in precoce età pediatrica.

Il problema è capire di quale dieta vegetariana stiamo parlando e di quali alimenti consumiamo. Mi spiego meglio: la programmazione della dieta deve essere corretta per poter garantire una giusta nutrizione dell’organismo la quale si realizza con l’introduzione di cibi di qualità e di alto valore nutrizionale. Altrimenti c’è il rischio di non fornire al corpo i nutrienti adeguati e di esporlo ad rischio di malattia aumentato. I maggiori rischi di inadeguatezza nutrizionale sono a carico delle proteine, della vitamina B12, del calcio e della vitamina D, del ferro, dello zinco e dei grassi omega-3.

 

Quali sono le diete vegetariane buone e quali quelle cattive?

Ad oggi, secondo gli studi, sono considerate buone le diete vegetariane ben pianificate con l’inserimento di qualche prodotto animale. In assoluto è considerata l’alimentazione più salutistica una vegetariana con il consumo moderato di pesce e prodotti animale e poca carne. Ad esempio questo impianto è tipico della dieta mediterranea, ben pianificata, e dell’alimentazione tradizionale giapponese. Non ha caso universalmente riconosciute come diete salutistiche e in grado di prevenire le patologie cronico-degenerative.

Sono invece potenzialmente sbagliati tutti quei regimi estremi, dimagranti e non, basati sui vegetali come la dieta crudista, la fruttariana, la dieta del minestrone, etc. A queste vanno aggiunte anche le diete latteo-ovo-vegetariane e vegane se non correttamente bilanciate. Un esempio: molte persone che abbracciano la dieta vegetariana sostituiscono la carne con tanto formaggio, introducendo nel loro corpo più grassi saturi e più sale potenzialmente negativi per la salute.

 

Quali sono i benefici di una dieta vegetariana in un uomo sano?

La dieta vegetariana ben pianificata è ritenuta adeguata dal punto di vista nutrizionale, salutistica e con effetti positivi nella prevenzione e nel trattamento di alcune malattie. Essa si associa, quando vengono assunti alimenti di buona qualità nutrizionale, ad un maggiore apporto di fibra, vitamine, antiossidanti e ad un basso introito di grassi nocivi e sostanze infiammatorie, senza eccessi proteici e con un basso carico glicemico. Questo crea, in generale, un mix pro-salute dovuto ai miglioramenti di alcuni parametri cardiometabolici come il miglioramento del controllo glicemico, il contrasto all’insulino-resistenza, la riduzione del colesterolo cattivo (colesterolo-LDL) e la riduzione dell’indice di massa corporea. Questi effetti sono in grado di proteggerci da patologie come l’obesità, l’ipertensione, i tumori, il diabete, l’ipercolesterolemia, l’osteoporosi, le patologie renali, la demenza, alcune patologie intestinali.

 

Ha più volte fatto riferimento a cibi di qualità dotati di alto valore nutrizionale, cosa intende?

Gli alimenti sono molto cambiati rispetto a qualche decennio fa. L’allevamento intensivo, l’estrema raffinazione di alcuni cibi, la necessità di una lunga conservazione degli alimenti e altri aspetti tipici dell’alimentazione moderna hanno reso gli alimenti meno ricchi di nutrienti “nobili”, fibra, vitamine, minerali e altre sostanze come gli antiossidanti. Spesso gli alimenti moderni hanno tanti carboidrati o zuccheri, grassi, sale, additivi e conservanti. L’effetto non è positivo per la nostra salute. Un esempio per capire meglio questo concetto sono le farine moderne, spesso estremamente raffinate, ricche di carboidrati e glutine e povere di fibra e di tutte le altre sostanze benefiche presenti nel germe del grano. Queste farine risultano meno nutrienti, meno sazianti e con un più alto indice glicemico che manda in “tilt” il nostro sistema ormonale.

 

Meglio usare le farine integrali?

Dipende. C’è integrale e integrale. La dicitura farina integrale non è una garanzia di qualità. La legge consente di chiamare integrale un alimento preparato con una farina raffinata a cui viene aggiunta della crusca, di chissà quale origine. Teniamo conto che sullo strato esterno del chicco si depositano le sostanze chimiche usate in agricoltura perciò, se non siamo sicuri che il prodotto sia di qualità, il suo “essere” integrale perché scritto in etichetta secondo le normative attuali non è sempre una garanzia. Il prodotto integrale dovrebbe essere preparato con farine meno raffinate in partenza e che abbiano usato grani coltivati con particolari cautele, tipo agricoltura biologica e/o biodinamica. Un modo pratico per capire cosa stiamo acquistando è leggere l’etichetta. Trovare la dicitura “farina integrale di frumento” è ben diverso dalla dicitura “farina di frumento, crusca di frumento”.

Chi segue un’alimentazione vegetariana, ma in generale tutti, dovrebbero porre più attenzione quando scelgono gli alimenti da acquistare. Il consumatore ha il potere di cambiare l’offerta del cibo che troviamo in commercio.

Si dovrebbe riscoprire anche il piacere di mangiare più cereali  in chicchi interi e più legumi come da vera tradizione “mediterranea” moderando il consumo esagerato di prodotti da forno raffinati a cui ci siamo abituati.

 

La dieta vegetariana è utile anche nella gestione dei diabete di tipo2?

Secondo la posizione dell’American Dietetic Association, ADA, l’alimentazione vegetariana può essere in accordo con le linee guida per il trattamento del diabete e inoltre gli studi evidenziano un minore rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 seguendo diete vegetariane bilanciate. In accordo con le conclusioni a cui arriva anche l’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, ADI. Le motivazioni risiedono in un indice di massa corporea più basso, una migliore sensibilità all’insulina, al più alto introito di fibra, e, probabilmente, anche di antiossidanti e sostanze antinfiammatorie.

 

Quali sono i consigli pratici per programmare una corretta alimentazione vegetariana pro-salute?

Sempre meglio confrontarsi con un professionista del settore soprattutto in caso di patologie in corso e per meglio capire le quantità e le frequenze settimanali degli alimenti più adatti ai propri fabbisogni.

In sintesi, è bene ricordare che tra le diete vegetariane si considerano salutistiche, se ben bilanciate, le seguenti: latteo-ovo-vegetariana, pesco-vegetariana, vegana.

In generale occorre:

  • scegliere una diversa varietà di cereali integrali, verdura/ortaggi, frutta, legumi, frutta secca a guscio, semi, e, a seconda della tipologia di dieta, con moderazione consumare latticini, uova, pesce, soprattutto se ricco di omega-3.
  • scegliere spesso cibi integrali e ridurre il consumo di cibi raffinati, dal sapore dolce e/o ricchi di grassi.
  • seguire le indicazioni della piramide dell’alimentazione vegetariana.
  • assicurarsi un adeguato e regolare apporto di vitamina B12, la quale si trova solo nei prodotti animali. In caso di alimentazione vegana sarebbe meglio usare alimenti fortificati con vit. B12 oppure integratori specifici. Sempre meglio confrontarsi con il proprio medico.

 

 

References

– Viguiliouk E, Kendall CW et al – Effect of vegetarian dietary patterns on cardiometabolic risk factors in diabetes: A systematic review and meta-analysis of randomized controlled trialsClin Nutr 2018 Jun 13

– Chiu THT, Pan WH et al – Vegetarian diet, change in dietary patterns, and diabetes risk: a prospective studyNutr Diabetes 2018 Mar 9;8(1):12

– Kahleova H, Pelikanova T – Vegetarian Diets in the Prevention and Treatment of Type 2 DiabetesJ Am Coll Nutr 2015;34(5):448-58

– McEvoy CT, Temple N, Woodside JV – Vegetarian diets, low-meat diets and health: a reviewPublic Health Nutr 2012 Dec;15(12):2287-94

– Gian Luca Mazzella – Pane, cracker, pasta: integrali di nome ma non di fatto. “E doppiamente dannosi”Il Fatto quotidiano, 9 febbraio 2012

– American Dietetic Association; Dietitians of Canada – Position of the American Dietetic Association and Dietitians of Canada: Vegetarian dietsJ Am Diet Assoc 2003 Jun;103(6):748-65

– Messina V, et al – A new food guide for North American vegetariansJ Am Diet Assoc 2003 Jun;103(6):771-5

– Haddad EH, et al – Vegetarian food guide pyramid: a conceptual frameworkAm J Clin Nutr. 1999 Sep.

 

– ADI Flash n.1 – “Dieta Mediterranea, vegetariane ed impatto sulla salute”. A cura di Antonio Caretto

SINUwww.sinu.it

 

 

 

 

Potrebbero interessarti

  • 1 agosto 2018Diabetici più protetti con una dieta vegetariana e la dieta MediterraneaDiabete di tipo 2: ci sono nuove evidenze che chi ne soffre può ottenere vantaggi sulla gestione della malattia e soprattutto sulla riduzione del rischio cardiovascolare alimentandosi con una dieta vegetariana. Considerato che il 60-70 % dei soggetti con diabete di tipo 2 muoiono per malattie cardiache, individuare una corretta alimentazione capace di abbassare il rischio […] Posted in A tavola con il diabete
  • 11 settembre 2018Acido alfa-lipoico: la guardia del corpo dei nostri nervi e non soloL’acido alfa-lipoico (abbreviato in ALA), è un acido grasso con una potente azione antiossidante che aiuta a combattere lo stress ossidativo provocato dai radicali liberi (responsabili dell’invecchiamento e dei danni cellulari) sia all’esterno che all’interno della cellula nervosa. Rappresenta quindi una molecola preziosa per la persona diabetica, in quanto favorisce la protezione del […] Posted in Antiossidanti e radicali liberi
  • 27 agosto 2018Il conteggio dei carboidrati (CHO) in 5 passiIl conteggio dei carboidrati (CHO counting) nasce per pianificare il pasto del paziente diabetico e determinare la dose d'insulina necessaria. Consiste nel calcolare la quantità totale di carboidrati assunti in un pasto e determinare l'esatta dose di insulina da somministrare. Numerosi studi scientifici dimostrano l'efficacia di questo metodo nel raggiungimento degli obiettivi […] Posted in Carboidrati (zuccheri)